Contenuto riservato agli abbonati

Morì investito da una ruspa alla Bipan: condannati chi manovrò il mezzo e un altro dipendente

BICINICCO. Due assoluzioni e altrettante condanne per l’infortunio che, più di tre anni fa, costò la vita a Michele Bianco, 53enne di Maserada sul Piave, dipendente della Mion & Mosole che si trovava alla Bipan di Bicinicco per cambiare un filtro e fu investito da una pala escavatrice in movimento.

Per la sua morte in quattro erano stati rinviati a giudizio con l’accusa di omicidio colposo: Luigi Frati, 86 anni, residente a Dosolo, presidente del cda di Bipan; Stefano Ghidorzi, 54enne anche lui di Dosolo, che per la stessa ditta era procuratore speciale in materia di igiene e sicurezza sul lavoro; Elia Bertelli, dipendente della Bipan, 33 anni, di Muzzana, e Visar Carkaxhia, albanese 38enne dipendente della Cmp srl.

Il

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori

Video del giorno

Tv, Sabina Guzzanti è Berlusconi: "Mi candido come prima donna al Quirinale"

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi