Il ministro Patuanelli a Pordenone: “Il Prosecco è un valore per l’Italia, dobbiamo difenderlo”

PORDENONE. «Io credo che il Prosecco sia un valore per le nostre produzioni. Dobbiamo difendere le capacità di produzione dei territori del Veneto e del Friuli Venezia Giulia, perchè il Prosecco è uno solo».

Così si è espresso, lunedì 5 luglio, a margine di un incontro a Pordenone il ministro delle Politiche agricole, Stefano Patuanelli. «Oggi - ha aggiunto - abbiamo incontrato sia associazioni di categoria che singoli imprenditori agricoli del Fvg, in particolare della zona del Pordenonese e abbiamo scoperto e riscoperto molte eccellenze nostrane che vanno difese.

C’è preoccupazione per la burocrazia, e per questo faremo il possibile per limitare l’impatto che la burocrazia ha sulle imprese italiane e del Fvg.

Pordenone, il ministro Patuanelli: "Il Prosecco va difeso, è un valore per l'Italia"

Alcuni strumenti li stiamo implementando - ha precisato - credo si debba essere molto incisivi su questo punto perchè la burocrazia spesso taglia fuori gli imprenditori onesti e tiene dentro quelli disonesti, coincide troppo spesso con lavoro buttato via per gli imprenditori.

Le ore passate a riempire moduli - ha concluso - sono ore sottratte all’attività imprenditoriale e questo non possiamo accettarlo».

Vaccini. «Il MoVimento 5 stelle, che esprime anche il viceministro alla salute, ha sempre sottolineato la nostra posizione, che non può che essere univoca: pensiamo che la vaccinazione sia l'unico modo che abbiamo per uscire dalla pandemia, e i dati lo dimostrano». Specificatamente, «in Fvg le percentuali sono minori che altrove, ma il range tra la prima e l'ultima è molto più piccolo, quindi non vedo una criticità specifica in Fvg». Lo ha detto lo stesso Patuanelli intervenendo a Pordenone a margine di un evento elettorale.

Cashback. «Non ci sarà più per questi sei mesi: ne valuteremo gli effetti in modo più preciso, io sono convinto che non solo si ripeterà da gennaio in poi, ma verrà reso quasi strutturale».

È il commento sul cashback espresso da Patuanelli. «Il cashback era importante perché è una misura significativa anche dal punto di vista delle entrate tributarie, ma soprattutto aveva come finalità quella di consentire ai cittadini di avvicinarsi a uno strumento elettronico utile per altri servizi che la pubblica amministrazione fornisce» ha spiegato il ministro.

L'incremento della presenza della relativa app è legato al cashback come “elemento civetta”, ma attraverso quella piattaforma si possono fornire svariati servizi ai cittadini. Per questo richiedevamo che venisse mantenuto», ha concluso il ministro delle Politiche agricole.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Egitto, per la prima volta l'arte contemporanea in mostra ai piedi delle Piramidi di Giza

Torta di grano saraceno con mirtilli e mele

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi