Contenuto riservato agli abbonati

Irruzione anti ogm nella sede di Giorgio Fidenato: caso in prescrizione e condanne annullate

Il faccia a faccia tra Giorgio Fidenato e Alessandro Metz nell’aprile del 2010 nella sede di Agricoltori Federati

PORDENONE. A undici anni dall’irruzione degli ambientalisti anti Ogm nella sede pordenonese di Agricoltori Federati, il movimento di Giorgio Fidenato, la giustizia non è riuscita a dare ragione nè agli attivisti nè al pioniere del mais geneticamente modificato. Ha vinto il trascorrere del tempo e le condanne in appello sono state annullate per decorsi termini di prescrizione.

I fatti si verificarono il 30 aprile 2010, quando un gruppetto di manifestanti invase la sede pordenonese di Agricoltori federati, il cui presidente, Giorgio Fidenato, aveva poco prima seminato per la prima volta il mais Ogm in un campo a Vivaro.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori

Video del giorno

Prostituzione e violenze sessuali, sgominata a Bologna banda che reclutava giovani ragazze albanesi

Gallinella su purea di zucca, patate croccanti e cavolo riccio

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi