Contenuto riservato agli abbonati

Morto a 78 anni Claudio Gremese il fondatore de “La Pannocchia”

Assieme alla moglie Lisetta avviò il Centro per disabili oggi guidato da Pontisso. Il cordoglio del sindaco Marchetti: lascia un vuoto incolmabile. Lunedì i funerali

CODROIPO. Il mondo del volontariato piange la scomparsa di Claudio Gremese, fondatore dell’associazione “La Pannocchia”.

È mancato a 78 anni per l’acuirsi di una patologia contro cui combatteva da tempo, alla quale si è aggiunto il dolore per la perdita della moglie, poco più di un anno fa, l’inseparabile Lisetta Bertossi.

Assieme a lei Gremese aveva avviato nel 1996 “Una finestra sul futuro. Dopo di noi” per dare alla figlia disabile e a tanti come lei assistenza e integrazione quando i familiari non fossero stati in grado di prendersene cura. Era partita così l’iniziativa di alcuni genitori di disabili che frequentavano il Csre di Codroipo per un centro autogestito, dapprima nella casa stessa dei Gremese.

Poi il progetto si è allargato nel 2000 con la realizzazione di una struttura, tuttora funzionale in via Duodo, col sostegno del Comune e di enti sovraordinati e al contributo dell’Ambito dei Comuni del Medio Friuli. Si erano pure attivate raccolte benefiche con mercatini dove si offrivano i gadget artigianali che gli associati e gli stessi disabili producevano.

A presiedere “La Pannocchia”, coadiuvati da un direttivo, sono stati inizialmente gli stessi Gremese (i primi 18 anni Claudio, poi Lisetta), ruolo in cui dal 2017 è subentrato Dino Pontisso, già sindaco di Sedegliano.

«Claudio e Lisetta – dice Pontisso – hanno dedicato la vita e risorse economiche proprie per “La Pannocchia”. Nel primo nucleo residenziale allestito in casa, loro stessi erano oltre che amministratori anche operatori.

Con l’ampliamento del progetto, l’assistenza e l’animazione degli ospiti sono state affidate a cooperative. Va reso merito all’infinita generosità di Claudio e Lisetta per aver creato dal nulla questa importante realtà sociale, indispensabile ora che i primi assistiti sono adulti e i loro familiari sono anziani o sono venuti a mancare».

Prima di fondare “La Pannocchia”, Gremese era tecnico informatico alla Solari; è stato socio fondatore della Proel informatica. I funerali saranno celebrati lunedì alle 10.30 nel duomo di Codroipo, domenica alle 17.45 il rosario.

Cordoglio personale e dell’amministrazione esprime il sindaco, Fabio Marchetti: «Con la scomparsa di Claudio Gremese perdiamo una persona dalle moltissime doti, riconosciute da tutti, tra cui la capacità di unire le forze sociali, economiche, culturali e politiche. Lascia un vuoto incolmabile».

Ne piange la scomparsa pure il Centro iniziative codroipesi col presidente Mario Banelli: «Coraggioso, ostinato e generoso, assieme a Lisetta aveva coinvolto centinaia di noi per scrivere una pagina d’oro nella promozione di persone con diverse abilità. Il tesoro che ci lascia è la “Fondazione Pannocchia”, ma soprattutto la cultura della prossimità». 


 

Video del giorno

L'Aston Villa batte lo United e i suoi tifosi prendono in giro l'esultanza di Ronaldo

Granola fatta in casa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi