Giovane non trova più il sentiero, donna si fa male a una caviglia: interviene il Soccorso alpino

MOGGIO UDINESE. Tra le 16 e le 16.30 di domenica 18 luglio sono scattati due interventi del Soccorso alpino che si sono conclusi poco dopo le 18.

Un ventunenne di Udine è stato tratto in salvo durante la traversata della cresta dei Musi, nelle Prealpi Giulie, dai soccorritori della stazione di Moggio Udinese saliti a bordo dell'elicottero della Protezione civile.

Il giovane ha chiamato dicendo di aver perso il sentiero durante la traversata: era partito da Taipana al mattino e poco dopo le 16 si trovava senza orientamento sopra Sella Carnizza sul versante nord della cresta dei Musi a quota 1650 metri.

Due soccorritori sono saliti a bordo dell'elicottero e lo hanno facilmente individuato dall'alto in una zona rocciosa e priva di alberi effettivamente lontano dalla traccia del sentiero di cresta.

Il recupero è avvenuto velocemente caricando il giovane a bordo con l'appoggio del pattino a terra. Anche la Guardia di finanza di Tolmezzo pronta a coadiuvare le operazioni.

E i soccorritori della stazione di Cave del Predil assieme alla Guardia di finanza hanno invece recuperato una donna infortunatasi ad una caviglia lungo il sentiero che scende dal rifugio Brunner – Alpi Giulie – a circa duecento metri dalla strada.

La donna è stata imbarellata e portata all'ambulanza che attendeva in strada.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Ffp2, la prova in laboratorio: ecco come riconoscere le mascherine di qualità

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi