Positivi al virus dopo il corso in Francia: una ventina di allievi maestri di sci friulani in isolamento

Tutti i ragazzi e le ragazze, perlopiù 19-20enni, si erano sottoposti al tampone il giorno prima della partenza 

UDINE. Una ventina di giovani allievi maestri di sci alpino e snowboard, perlopiù friulani, che hanno partecipato a uno dei moduli settimanali del corso organizzato a 3 mila metri di quota sul ghiacciaio di Les Deux Alpes (Francia) dall’Associazione maestri di sci del Friuli Venezia Giulia, è risultata positiva al coronavirus.

Al rientro nelle rispettive località di residenza i ragazzi si sono sottoposti ai test per rilevare l’eventuale contagio: per i giovani risultati positivi (in prevalenza asintomatici) è scattato l’obbligo di isolamento, mentre i Dipartimenti di prevenzione delle Aziende sanitarie interessate (alcuni degli sportivi provengono dal Veneto) hanno attivato l’iter per il tracciamento dei contatti.

Tutti i ragazzi e le ragazze, perlopiù 19-20enni, si erano sottoposti al tampone il giorno prima della partenza per la Francia, come da prassi per ognuno dei precedenti moduli d’insegnamento, che si sono svolti anche in Friuli Venezia Giulia in primavera quando il corso è cominciato dopo le selezioni avvenute sullo Zoncolan.

Il collegio dei Maestri di sci “ha sospeso la III fase del modulo tecnico del corso di formazione per maestri di sci che preveda l’argomento di freestyle a Les Deux Alpes (Francia). Il motivo di tale provvedimento, come previsto dal protocollo di sicurezza per la gestione del rischio biologico legato all’emergenza sanitaria Covid-19, è stata la comunicazione da parte di alcuni allievi maestri di sci che riportavano sintomi febbrili ed altri, immediatamente, risultati positivi al test rapido antigenico Covid-19”, si legge in una nota diramata nella mattinata di domenica 18 luglio.

“Al momento risulterebbero positivizzati una ventina di allievi. Nonostante le misure prese in ingresso ovvero il test negativo e/o la certificazione di avvenuta vaccinazione meglio conosciuta come green card, l’utilizzo della stessa struttura alberghiera per creare la così detta “bolla”, non siamo riusciti ad arginare il fenomeno pandemico presente evidentemente nella località francese”. 

Video del giorno

Femminicidi, Barbara Palombelli: "Chiediamoci se le donne hanno avuto un comportamento esasperante". Sui social è polemica

Barbabietola con citronette alla senape e sesamo

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi