Contenuto riservato agli abbonati

Baristi e ristoratori friulani: «No al green pass: riduce la clientela del 40 per cento»

UDINE. Al bar e al ristorante solo con il green pass? «No, grazie» rispondono in coro i rappresentanti di categoria già penalizzati dalle chiusure imposte nei mesi scorsi. Poco importa se il passaporto verde aprirà le porte di bar e ristorante anche a chi ha ricevuto solo la prima dose di vaccino, Confcommercio con la Fipe (Federazione pubblici esercizi) e Confesercenti non accettano di dover rinunciare al 40 per cento della clientela. 

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori

Video del giorno

Juve-Roma, il labiale di Orsato: ''Sui rigori non si dà vantaggio, se poi li sbagliano non è colpa mia''

Gallinella su purea di zucca, patate croccanti e cavolo riccio

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi