Contenuto riservato agli abbonati

Resta chiusa in cimitero, la “salvano” sindaco e un volontario della Protezione civile

La pensionata non si è accorta che erano da poco passate le 20.30, orario in cui scatta la chiusura automatica del cancello

SAN GIOVANNI AL NATISONE. Resta chiusa dentro il cimitero della frazione di Villanova, nel comune di San Giovanni al Natisone. La “salvano” il sindaco, Carlo Pali, e un volontario del gruppo locale della Protezione civile. Brutta avventura per una donna di mezza età residente in paese, che, nel tardo pomeriggio di martedì 20 luglio, aveva raggiunto in sella alla propria bicicletta il cimitero della frazione di Villanova per far visita ai propri cari defunti.

La pensionata non si è accorta che erano da poco passate le 20.30, orario in cui scatta la chiusura automatica del cancello. La donna non si è fatta prendere dal panico e ha schiacciato subito l’apposito pulsante, che serve proprio ad aprire dall’interno in caso di emergenza, ma il cancello è rimasto chiuso perché, a causa di un forte temporale, che ha colpito la zona qualche giorno fa, il pulsante è ancora in manutenzione. La signora a quel punto ha preso il cellulare e ha contattato un vicino di casa, un ragazzo che è anche un volontario della Protezione civile di San Giovanni al Natisone.

Il giovane ha dato l’allarme e ha chiamato i carabinieri della stazione locale, che, a loro volta, hanno avvertito al sindaco. Sono stati proprio il primo cittadino e il volontario della Protezione civile a liberare la donna, utilizzando una scala. Attorno alle 21 la signora ha potuto fare rientro a casa. È stata recuperata anche la bicicletta. «Il portone del cimitero è automatizzato e si chiude sempre alle 20. 30 – spiega il sindaco di San Giovanni al Natisone –. Se qualcuno dovesse restare chiuso dentro può semplicemente spingere l’apposito pulsante interno per l’apertura. Purtroppo il cancello è stato colpito da una scarica elettrica durante un temporale ed è stato danneggiato. Al momento non funziona. Abbiamo già contattato l’azienda che si occupa della riparazione. Gli operai sono già stati sul posto per verificare l’entità del danno».

Il sindaco, appena appreso l’accaduto, è uscito immediatamente di casa e con l’aiuto del volontario si è procurato una scala. «Tutto si è risolto rapidamente – conferma Pali –. La signora è stata fatta uscire in piena sicurezza, utilizzando una scala. Siamo riusciti anche a recuperare la bicicletta, che era rimasta all’interno. Nei prossimi giorni – fa sapere il primo cittadino – la ditta incaricata provvederà a terminare l’intervento di sistemazione del cancello». 

Video del giorno

Pellegrini e Montano, campioni che smettono. Lo psicologo dello sport: "Persone, non solo atleti"

Gazpacho di anguria, datterini e fragole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi