Contenuto riservato agli abbonati

Udine, è morta Barbara Tosolini: è stata critica teatrale del Messaggero Veneto

UDINE. Quella per il teatro è stata una passione che Barbara Nuciforo in Tosolini ha saputo infondere negli altri attraverso l’insegnamento e i suoi articoli. È morta a 77 anni lunedì mattina. Era nata a Udine, ma la sua famiglia si era trasferita in Friuli dalla Sicilia. Dopo la maturità classica allo Stellini, si era iscritta alla facoltà di Lettere all’Università di Padova. Conseguita la laurea, aveva deciso di seguire un’inclinazione e una passione che facevano parte del suo corredo genetico.

È così che iniziò a studiare Storia del teatro alla facoltà di Lingue e letteratura straniera nell’ateneo udinese. Donna di cultura che amava le letture e i viaggi, seguiva le rappresentazioni teatrali con passione e spirito critico, tanto che iniziò a collaborare con il Messaggero Veneto per le pagine della cultura.


Ad attrarla era soprattutto il teatro contemporaneo, sceneggiature alternative che valutava con competenza per recensirlo nei suoi articoli. Una collaborazione che iniziò negli anni Ottanta e che le permise di iscriversi come pubblicista all’albo dei giornalisti nel 1983. Ben presto, ai suoi scritti per la carta stampata si aggiunsero i suoi interventi radiofonici nell’ambito di una rubrica settimanale della Rai. Un’occupazione che lasciò a malincuore per poter dedicare il tempo necessario alla sua attività di docente e alla famiglia alla figlia Francesca e al marito Giancarlo Tosolini morto a gennaio a 84 anni.

Medico chirurgo, Tosolini per oltre 35 anni è stato un punto di riferimento di Ostetricia e ginecologia all’ospedale di Udine di cui era stato aiuto primario. Ospite da due anni della casa di riposo la Quiete, a causa di una lunga malattia, aveva contratto il Covid. Per la moglie Barbara, persona solare, carismatica ed entusiasta, era stato un durissimo colpo, tanto che a maggio si era ammalata ed era stata ricoverata in ospedale, dov’è morta lunedì. I funerali si terranno giovedì alle 15.30 nella chiesa del cimitero di San Vito.

Video del giorno

Pellegrini e Montano, campioni che smettono. Lo psicologo dello sport: "Persone, non solo atleti"

Gazpacho di anguria, datterini e fragole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi