Contenuto riservato agli abbonati

Baristi e ristoratori delusi: «Il green pass ci penalizza, la norma deve essere modificata»

UDINE. A chi spetta il compito di controllare i green pass? E se un cliente mostra un Qr code non suo? Le persone vanno identificata?

Sono tanti i quesiti che, in queste ore, si pongono i ristoratori e i baristi della regione nell’attesa di leggere il decreto che, dal 6 agosto, introdurrà l’obbligo del passaparto vaccinale per consumare pietanze e bevande, seduti ai tavoli, all’interno dei locali.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori

Video del giorno

Juve-Roma, il labiale di Orsato: ''Sui rigori non si dà vantaggio, se poi li sbagliano non è colpa mia''

Gallinella su purea di zucca, patate croccanti e cavolo riccio

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi