Contenuto riservato agli abbonati

I ladri ci ripensano e restituiscono la maglia dell'Udinese rubata alle scuole medie

SAN DANIELE. La maglietta dell’Udinese trafugata dalla scuola secondaria di primo grado la scorsa settimana è tornata al suo posto.

Era sparita, ricordiamolo, nella notte tra giovedì e venerdì, portata via da un gruppo, con tutta probabilità di ragazzi, entrato a scuola per trascorrervi qualche tempo in compagnia, considerate le tante lattine e i mozziconi di sigaretta rinvenuti la mattina successiva dal personale scolastico.

Denunciata ai carabinieri l’effrazione, la scuola, ma soprattutto il sindaco Pietro Valent, si erano rivolti agli autori del furto chiedendo loro la restituzione della t-shirt, anche in forma anonima.

L’invito non è caduto nel vuoto. La maglietta, firmata da tutti i giocatori del club bianconero, è stata trovata venerdì 23 luglio dal personale della scuola appesa alla maniglia della porta d’ingresso.

«Un bellissimo gesto. Sono molto contenta che abbiano capito» ha commentato Zanella riferendosi agli autori che come detto sono molto probabilmente giovani, viste le tracce lasciate all’interno dell’immobile. Bottiglie vuote di vodka, lattine di birra parimenti svuotate, strumenti musicali usati e non riposti.

E poi la maglietta dell’Udinese sparita. All’apparenza una ragazzata, che è comunque stata regolarmente denunciata ai carabinieri della locale stazione.

Ad avvalorare la tesi ora c’è anche la restituzione della maglia bianconera, salutata con gioia oltre che dalla preside, anche dal sindaco che ha commentato.

«Contavo in questo gesto riparatore e sono grato a chi è rinsavito ed ha sicuramente fatto una riflessione personale di pentimento che lo ha spinto a ritornare questa maglietta alla comunità scolastica». —


 

Video del giorno

Halloween a tavola: afrodisiaca e antispreco, cosa c'è da sapere sulla zucca

Grano saraceno al limone e rosmarino con rana pescatrice croccante su crema di sedano rapa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi