Contenuto riservato agli abbonati

Lasciate in pace i no vax: servono regole chiare se vuoi far vaccinare le persone

ANSA

Temono che quel maledetto liquido possa, prima o dopo, farli morire di chissà quale malattia. Non sto, poi, a elencare i richiami alla Costituzione, alla libertà, al pericolo di dittatura, a Bill Gates e alla stella di David. Il problema semmai è un altro: chi ci governa ha gestito questa pandemia con regole, troppo spesso contraddittorie. Confuse. Ambigue. Come spesso accade l’unica vera preoccupazione era il consenso.

UDINE. Lasciate in pace i No vax. Non la pensano come noi, come noi non la pensiamo come loro. Entrambi siamo convinti di essere nel giusto: io credo nella scienza, credo nella ricerca e nei vaccini.

I No vax no. Non si fidano. Temono sia un complotto per arricchire le multinazionali – che, in effetti, si sono arricchite a dismisura nonostante abbiano utilizzato fondi pubblici per la ricerca –, ma non c’entra con l’efficacia del vaccino.

Temono

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori

Video del giorno

Juve-Roma, il labiale di Orsato: ''Sui rigori non si dà vantaggio, se poi li sbagliano non è colpa mia''

Gallinella su purea di zucca, patate croccanti e cavolo riccio

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi