Contenuto riservato agli abbonati

Entrare a passo di danza negli spazi della città: così “Cosmic dancer” porta in scena piccole e fascinose storie di artisti

ALERIZZI

Lo spettacolo inserito nel festival Urban Dance, nato dall’esigenza di portare la danza di ricerca negli spazi del quotidiano ha raccolto con successo e ancora una volta, la sfida di portare la danza al pubblico in luoghi diversi dal teatro, con la consapevolezza che lo spazio urbano può e deve ospitare l’arte contemporanea

Vagare nel firmamento cosmico generando l’illusione di essere catapultati nella prima metà degli anni settanta, danzare con un’energia e una vitalità dirompenti, amplificando e restituendo al pubblico la parte androgina e omoerotica ben presente nella scena pop rock. “Cosmic dancer” ultima creazione del danzatore e coreografo Roberto Cocconi per Arearea, porta in scena piccole storie fascinose e sexy di “artisti glam” impegnati in coreografie di gruppo, assoli e duetti,  in una prima assoluta udinese che ha registrato nel fine settimana il tutto esaurito, per tutte e tre le repliche ai Giardini Ricasoli.

Gli abiti di piume e paillettes di Emmanuela Cossar, in assoluta sintonia con l’omaggio a un genere musicale che prese il nome dall'abbigliamento "Glamour", ovvero un look...

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori

Video del giorno

Covid Watch. Ensovibep: cosa sappiamo del nuovo farmaco

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi