Contenuto riservato agli abbonati

Cagnolino sequestrato rifiuta il cibo per giorni finchè non viene riconsegnato al suo padrone

Il cagnolino maltese

PORDENONE. Per tre giorni un cagnolino maltese di 17 anni ha rifiutato il cibo. Finché non è stato restituito al suo padrone, un sessantenne pordenonese, lunedì sera.

Era stato sequestrato d’iniziativa dai carabinieri di Remanzacco dopo essere stato trovato in un camper parcheggiato al sole al centro commerciale Terminal nord.

Il pm Elisa Calligaris aveva convalidato il sequestro, ipotizzando in alternativa maltrattamento o abbandono di animali (la prima fattispecie è dolosa, la seconda colposa).

Il maltesino dal canile di Lumignacco è stato trasferito in una clinica. «Si stava lasciando andare: quando vengono allontanati dai loro padroni i cani anziani smettono di mangiare», ha spiegato l’avvocato Pierfrancesco Scatà, che per conto dell’indagato ha depositato un’istanza di dissequestro, osservando come fossero venute meno le esigenze probatorie e il cane rischiasse di morire.

Scatà ha parlato con il responsabile del canile, il direttore della clinica e il pm. Il giudice ha accolto l’istanza. Nel merito l’avvocato Scatà ha obiettato che le condizioni accertate dal veterinario al momento del sequestro sono compatibili con l’anzianità dell’esemplare, non con i maltrattamenti.

Il legale ha sottolineato che i cani di razza maltese vivono fino a 12-13 anni: il fatto che questo ne abbia 17 dimostra che è stato ben accudito.

Quanto all’episodio del Terminal Nord, Scatà ha ribattuto che la moglie del suo assistito quel giorno aveva un impegno e così il sessantenne, che doveva andare al lavoro, ha portato con sé il cane.

Lo ha lasciato sì nel camper per alcune ore, ma il veicolo era arieggiato e gli aveva lasciato due ciotole per l’acqua e per la pappa, che è venuto a riempire di nuovo in mattinata.

«Proveremo nel merito che il cane non è stato maltrattato, ma che è sempre stato accudito» ha concluso Scatà. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Video del giorno

Covid Watch. Ensovibep: cosa sappiamo del nuovo farmaco

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi