In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
il programma

Ginnastica, è il giorno di Alex. I genitori: "A soli sette anni la nostra bimba ci diceva: un giorno andrò alle Olimpiadi"

Per poter accedere alla finale di sabato, Alexandra dovrà chiudere la classifica generale nelle prime dieci posizioni, un compito per nulla facile ma alla portata se la stella dell’Asu riuscirà a mettere in pedana tutta la sua grinta.

ALESSIA PITTONI
2 minuti di lettura

UDINE. Quella della famiglia Agiurgiuculese è solo in parte una storia di sport. Racconta di un viaggio, di cinque persone che si sono divise per cercare una stabilità economica e che hanno lavorato sodo per ritrovarsi. Di una famiglia che è stata accolta e supportata e che, oggi, si sente italiana. Incidentalmente di questa famiglia fa parte una giovane campionessa, che nella notte italiana di domani coronerà il proprio sogno e si esibirà sulla pedana olimpica nelle qualificazioni di ginnastica ritmica.

Andando a ritroso nel tempo, il primo degli Agiurgiuculese ad arrivare in Italia, a Cordignano, in provincia di Treviso, fu papà Richard, nel 2004, seguito da mamma Cristina, nel 2008, per raddoppiare lo stipendio con l’obiettivo di comprare casa. I tre figli Alexandra, Sebastian e Magdalena restarono a Iasi, in Romania, con la nonna. «Sono rimasta orfana a tredici anni – racconta mamma Cristina – e Richard e i miei figli sono tutto. Abbiamo fatto tanti sacrifici e abbiamo sofferto ma ora siamo riuniti e siamo felici». Quando è arrivata in Italia, nel 2010, uno anno prima dei fratelli, Alex era già una piccola celebrità in Romania. «Ha sempre avuto una grande forza – prosegue la mamma –; a sei mesi ruppe il girello e a nove camminava già benissimo. Non stava mai ferma e si inventava ogni genere di attività. Il pediatra mi consigliò di farle fare ginnastica per risolvere un piccolo problema di scoliosi, vidi un volantino e la portai in palestra: aveva sei anni e pochi mesi dopo era già campionessa di Romania».

Un ruolo importante lo ebbe il suo primo allenatore, Consantin Radu, che spesso le mostrava i video delle grandi campionesse. «Anche tu devi andare alle Olimpiadi» le diceva. «Abbiamo conservato dei messaggi audio – ricorda Cristina – che Alex a sette anni mandava a suo padre in cui raccontava che sarebbe andata alle Olimpiadi, che si sarebbe impegnata tanto e che non avrebbe pianto per fare le spaccate. I suoi fratelli, quando ci riuniamo a Natale, si divertono a prenderla in giro».

Alex arrivò in Italia nel 2010 e incrociò il suo destino con quello di Spela Dragas, la sua allenatrice all’Asu che la ospitò in casa. Quando ricorda quel periodo Cristina si commuove: «É stato doloroso, Alex era piccola e poterla vedere solo nel fine settimana era difficile. Per fortuna Spela ospitava spesso anche me: sapevo che lei poteva prendersi cura di Alex come una mamma». Un grande aiuto è arrivato pure dalle compagne dell’Asu. «Alle superiori Alex ha vissuto in convitto. In quel periodo è stata aiutata da alcune famiglie delle sue compagne di squadra cui siamo ancora molto legati. Non ci hanno mai lasciati soli». Gli anni sono passati e gli Agiurgiuculese si sentono italiani al 100%. «In famiglia parliamo rumeno – precisa Cristina – perché non dimentichiamo da dove veniamo ma, ad esempio, Magdalina, che è arrivata in Italia a cinque anni, non lo parla bene. Ormai ci sentiamo molto più italiani».

Oggi Cristina e Richard lavorano nella stessa fabbrica e si occupano di verniciatura, all’inizio con turni alternati per potersi occupare dei bambini. «Anche al lavoro ci hanno aiutato tanto – sottolinea – perché ci hanno sempre concesso i permessi per seguire Alex nelle gare importanti. Prima che scoppiasse il Covid avevamo già preso i biglietti per Tokyo, avevamo chiesto un anticipo del Tfr per sostenere la spesa, invece potremo seguirla solo in tv. Abbiamo investito tutto su Alexandra, sapendo che se fosse riuscita a brillare poi avrebbe aiutato i fratelli. Infatti i primi stipendi dell’Aeronautica Alex li ha usati anche per pagare l’affitto a Sebastian che si era trasferito in provincia di Trento per giocare a pallamano».

Il ricordo dell’ultima telefonata con la figlia fa piangere mamma Cristina: «Sta completando l’album di figurine dell’Italian Team olimpico e martedì scorso le ho spedito sei figurine assieme a una lettera nella quale le ho fatto un in bocca al lupo e le ho scritto qualche parola da mamma. È la prima lettera che le ho scritto nella mia vita: non pensavo la ricevesse prima della partenza, invece venerdì mi ha chiamato dall’aeroporto dicendomi che l’aveva letta, è stato molto emozionante». Gli ultimi messaggi prima della gara? «Non le chiedo mai come va l’allenamento o come si sente prima di una competizione. Cerco di farla ridere, le parlo dei suoi fratelli. Il compito di seguirla come atleta è di Spela, la mamma deve farla sorridere e farla stare bene».

I commenti dei lettori