Contenuto riservato agli abbonati

Scrive una lettera e la spedisce nello spazio con il razzo di Jeff Bezos: c’è un pezzo di Friuli nella Blue Origin

C’è anche un pezzo di Friuli nella missione spaziale Blue Origin, lanciata dal miliardario Jeff Bezos, fondatore di Amazon. Protagonista della storia è Francesco Ros, giovane di Travesio

TRAVESIO. C’è anche un pezzo di Friuli nella missione spaziale Blue Origin, lanciata dal miliardario Jeff Bezos, fondatore di Amazon. Protagonista della storia è Francesco Ros, giovane di Travesio già salito agli onori delle cronache per le sue battaglie a favore della connessione Internet per tutti fino alla stesura di una Costituzione europea (apprezzata anche dal Capo dello Stato), passando per l’istituzione di un Nobel per i disabili e all’impegno per i diritti degli animali.

Francesco, laureato in Diritto per le imprese e le istituzioni all’università di Udine, appassionato di economia e computer, ha partecipato al progetto “Club for the Future” dell’azienda di Bezos che, lo scorso 21 luglio, ha varcato in prima persona i confini del cielo per inaugurare la nuova era del turismo spaziale. Prima del volo, infatti, lo stesso razzo è stato utilizzato per un test speciale, nel quale sono state spedite nello spazio un insieme di lettere degli aderenti al club, una fondazione la cui missione è ispirare le generazioni future a perseguire carriere in Stem e aiutare a inventare il futuro della vita nello spazio.


«Prima che Jeff Bezos salisse nello spazio a luglio 2021, per testare il razzo – racconta il giovane travesiano – chi faceva parte dell’associazione aveva la facoltà di inviare una lettera che poi sarebbe stata inserita nella capsula e in seguito lanciata nello spazio. Infine sarebbe stata recapitata a casa la stessa lettera con il bollino di Blue Origin che certifica che la lettera ha viaggiato nello spazio».

Cosa che Ros ha puntualmente fatto: «Ognuno era libero di scrivere una breve frase filosofica su come il turismo spaziale avrebbe potuto contribuire a cambiare l’umanità. Io ho voluto lanciare un messaggio di positività, atto a dire che guardando la terra da lassù probabilmente possiamo renderci conto di quanto determinate cose siano più importanti di altre, di quanto la Terra sia importante, di quanto le relazioni tra gli uomini tra loro, e tra uomini e natura siano importanti, e di come invece determinate differenze basate su preconcetti puramente soggettivi debbano essere superate per il benessere della società a livello globale».

«In Friuli da quanto so – continua Francesco – sono stato l’unico ad aderire al Club e a inviare il mio messaggio nello spazio. Poi, ho ricevuto a casa la lettera timbrata da Blue Origin che certifica la spedizione oltre i confini del cielo», conclude Ros, orgoglioso, anche se per un istante, il tempo del volo della capsula sullo spazio, il Friuli con i suoi valori di laboriosità abbia varcato un confine così estremo convinto che messaggi come il suo «per i prossimi anni possano essere di buon auspicio per la ricerca spaziale ma anche che permettano di farci apprezzare il cosmo nella sua interezza e, quindi, rafforzare il concetto di pace tra i popoli». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Video del giorno

Milano, vigile in borghese spara un colpo in aria: disarmato da un gruppo di ragazzi

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi