Friuli Doc riempie strade e piazze: visitatori e operatori soddisfatti

Corteo “No Green pass” lungo le vie della festa, mentre in sala Ajace si vaccinano in cinquanta

UIDINE. Friuli Doc riempie le piazze, soddisfa gli operatori e piace ai visitatori. L’edizione 2021 della kermesse supera indenne anche la giornata di sabato, richiamando un buon numero di persone in centro, con numeri importanti anche nei punti che in passato avevano sofferto come il colle del castello e via Aquileia.

Nel primo caso il ritorno delle Pro Loco dell’area Collinare (da Buja a Flaibano, da Forgaria a Montegnacco) si sta rivelando un luogo di richiamo importante, nel secondo sono gli austriaci della Stiria a farla da padroni. Ciò che appare ormai chiaro è l’incremento delle presenze rispetto al 2020.

L’assessore a la sicurezza

«Le impressioni degli operatori sono positive – assicura l’assessore ai Grandi eventi, Maurizio Franz –. Tutto si sta svolgendo in modo ordinato, i controlli sono rigorosi e non si sono verificati assembramenti. Bene anche la modalità di servizio al tavolo così come l’integrazione con “Udine sotto le stelle”. Siamo contenti di come stanno procedendo le cose». Sul fronte sicurezza, gli steward controllano il Green pass a ogni visitatore all’ingresso nelle zone della festa, lasciando alle forze dell’ordine le verifiche a campione con la richiesta dei documenti di riconoscimento.

Una stretta, rispetto alle intenzioni iniziali, imposta dal Comitato per l’ordine e la sicurezza, che richiederà un esborso maggiore per il Comune (come confermato dallo stesso Franz).

Tra steward qualificati, guardie giurate e varchi di accesso, la previsione di spesa è di 132 mila euro. Un obbligo, quello dei Green pass, che non piace a tutti, e soprattutto a quei cittadini che ormai da qualche sabato scendono in strada per manifestare contro la certificazione verde. Una protesta andata in scena anche ieri: un corteo lungo le vie del centro al grido “libertà”.

Voglia di vaccino

È proseguito per tutta la giornata il via vai nel centro vaccinale allestito a palazzo D’Aronco. Dopo le 63 persone di venerdì, ieri a ricevere la dose sono stati in cinquanta.

Apprezzare l’iniziativa voluta dal sindaco Pietro Fontanini sono soprattutto i giovani che, spesso insieme ai genitori, si presentano in sala Ajace per ricevere il vaccino, trovando ad attenderli medici, infermieri e volontari. Oggi il centro resterà aperto dalle 11 alle 16.

L’impegno di Net

La società ha messo in campo 59 persone che dalle 3 del mattino alle 6.30 sono impiegate per ripulire la città. Net ha posizionato 168 contenitori per la raccolta differenziata, oltre ai 400 cestini già presenti. Nella prima giornata di festa c’è stato un 15% di rifiuti prodotti in più rispetto all’edizione 2020.

In particolare sono stati raccolte 2,5 tonnellate di rifiuti solidi urbani, 2,6 tonnellate di vetro, 0,6 tonnellate di cartone e 0,2 tonnellate di plastica. Oggi la giornata conclusiva con il clou che sarà la festa della Patria del Friuli, a partire dalle 9.45 in piazza Libertà.


 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Schiantare un aereo per i clic su YouTube, sull'ex olimpionico c'è più di un sospetto

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi