Ritorno in classe con le misure anti-contagio per migliaia di studenti friulani

Studenti e genitori all'esterno dell'istituto comprensivo Valussi, dove è suonata la campanella per le classi prime

UDINE E PORDENONE. La prima campanella è suonata, lunedì 13 novembre, in diverse scuole di Udine e provincia e in una decina di istituti comprensivi del Friuli occidentale: in quest’ultimo caso sono entrati in classe con le misure anti-contagio circa 7 mila alunni.

A Udine alcune scuole hanno scelto di anticipare la prima campanella prevista dal calendario scolastico regionale (16 settembre). Le scuola del primo e del secondo comprensivo sono partite proprio lunedì, così come quelle del sesto comprensivo.

Anche alcuni istituti superiori hanno scelto di iniziare le lezioni prima dell'inizio ufficiale dell'anno scolastico. Il liceo scientifico Copernico ha richiamato in aula tutte le classi. Gli studenti di prima avevano già iniziato il programma di accoglienza dal 10 settembre.

I licei dell'Uccellis e l'Isis Stringher sono partiti con i nuovi arrivi. L'istituto tecnico Marinoni invece ha chiamato in aula i ragazzi di terza e quarta superiore, prime e seconde erano state accolte già il 9 settembre.

Nella Destra Tagliamento anticipano il calendario scolastico regionale di tre giorni i comprensivi Torre e Sud a Pordenone e quelli di Porcia, Caneva-Polcenigo, Travesio, Aviano (alcune classi sono in aula dal 9 settembre), Valvasone, Azzano Decimo, Pasiano e Chions.

Disco verde nel Cpia all’accoglienza. Le altre campanelle sono scaglionate sino al 16 settembre, quando l’appello in aula sarà per 38.472 iscritti.

Video del giorno

Studenti in piazza a Torino, scontri con la polizia

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi