Precipita nel bosco con il parapendio e rimane impigliata tra i rami a dodici metri d'altezza

MEDUNO. Una parapendista del 1979, di nazionalità polacca, è precipitata dopo il decollo dal monte Valinis rimanendo sospesa su un albero grazie alla vela impigliata tra i rami a dodici metri d'altezza dal suolo.

La Sores ha inviato sul posto l'elisoccorso regionale, le squadre di terra della stazione di Maniago del Soccorso alpino e i vigili del fuoco, che han fatto campo base presso la caserma dei carabinieri di Meduno.

La donna è precipitata nel fitto bosco di Sottomonte di Meduno e per questo motivo l'equipe dell'elisoccorso con il tecnico di elisoccorso del Soccorso alpino sono stati sbarcati in una radura un po' più distante dal punto in cui è caduta la pilota.

E l'elicottero ha poi prelevato altri tecnici delle squadre di terra dal campo base per portarli in quota. Nel frattempo altri due tecnici del Soccorso alpino sono giunti sul posto tramite una traccia di sentiero da loro conosciuta per collaborare alla operazioni.

Impossibile recuperare la donna dall'alto con il verricello perché le pale dell'elicottero avrebbero rischiato di spostare la vela facendo cadere al suolo la pilota.

Dunque si è reso necessario effettuare la risalita dell'albero dal basso, arrampicando sul suo tronco. Un'operazione molto delicata dal momento che il fusto della pianta era privo di rami e in più inclinato perché rotto in parte da una tempesta.

Un tecnico del Soccorso alpino si è arrampicato utilizzando delle fettucce e delle staffe per risalire pian piano fino a raggiungere la donna.

Una volta preparata una sosta, proprio sulla cima della pianta e assicurata a sé la pilota, il tecnico è stato calato assieme a lei lentamente al suolo.

La donna è stata visitata sul posto dal medico dell'elisoccorso e non presentava evidenza di fratture, ma aveva una gamba molto dolorante che le impediva di camminare per cui è stata imbarellata e trasportata a spalle, con l'aiuto dei vigili del fuoco sopraggiunti sul posto, fino all'ambulanza che attendeva sulla strada, in circa quindici minuti di cammino.

Otto soccorritori della stazione di Maniago hanno preso parte alle operazioni che si sono svolte tra le 13 e le 15.30 di lunedì 20 settembre.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Prostituzione e violenze sessuali, sgominata a Bologna banda che reclutava giovani ragazze albanesi

Gallinella su purea di zucca, patate croccanti e cavolo riccio

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi