Contenuto riservato agli abbonati

Caso mense a Udine: liberi altri due indagati. E intanto la società cui era stato affidato l’appalto li ha licenziati

UDINE. Erano agli arresti domiciliari dal 15 luglio, con l’accusa di concorso nella frode per la fornitura del servizio di ristorazione nelle scuole di Udine e di altri Comuni della provincia, del Pordenonese e del Trevigiano.

Neppure il tribunale del riesame, che pure qualche settimana dopo aveva annullato le misure degli altri due indagati colpiti da custodia cautelare, aveva ritenuto di accoglierne l’istanza.

Ma

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori

Video del giorno

Maltempo in Grecia, un pullman viene "inghiottito" da una voragine

Gallinella su purea di zucca, patate croccanti e cavolo riccio

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi