Contenuto riservato agli abbonati

Sono 9 i comuni virtuosi che non chiudono le scuole per le elezioni: ecco le città in Friuli che hanno spostato i seggi fuori dalle aule

Dal governo Draghi incentivi per due milioni di euro, il 7,7% delle adesioni arriva dalla nostra regione: salvi 30mila studenti in tutta Italia

UDINE. Niente maxi-ponte elettorale per gli studenti di nove comuni del Friuli Venezia Giulia. Le amministrazioni di Pordenone, Erto e Casso, San Quirino, VIvaro, Latisana, Ronchis, Sauris, Torviscosa e Porpetto hanno comunicato alla Prefettura l’interesse a spostare i seggi elettorali dagli edifici scolastici al fine di evitare la sospensione delle attività didattiche, chiedendo il contributo previsto per sistemare altri spazi e destinarli a seggi elettorali. 

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori

Video del giorno

A Trieste i funerali di Liliana Resinovich: le parole del marito Sebastiano

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi