Contenuto riservato agli abbonati

Benzina sempre più cara. Arriva anche il rincaro della revisione auto (ma c'è il bonus)

Sul piede di guerra le associazioni di consumatori. Il Codacons: «ancora una volta gli automobilisti italiani sono utilizzati come bancomat dal Governo»

UDINE. Non bastavano i rincari di benzina e gasolio. Ad appesantire le spese degli automobilisti arrivano anche aumenti per il costo della revisione auto. Lo denuncia il Codacons, che protesta contro l’ennesima stangata sulle tasche dei consumatori. In arrivo c’è infatti un aumento di 10 euro del costo per la revisione dell’auto. Non succedeva da 13 anni. C’è tuttavia la possibilità di ottenere un piccolo bonus.

Intanto sono sul piede di guerra le associazioni di consumatori. «A partire dal prossimo 1° novembre il costo-base del “collaudo” aumenterà da 45 euro a 54,90 euro, con un aumento della tariffa del +22% - spiega il presidente Carlo Rienzi –. Questo per effetto di un Decreto interministeriale firmato dal Ministero delle Infrastrutture e dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, che va ad appesantire le spese per la gestione dei veicoli in capo alle famiglie, già stremate dalla corsa senza sosta dei prezzi di benzina e gasolio». Il prezzo salirà invece a 79,02 euro se la revisione dell’auto viene effettuata presso un centro privato autorizzato (attualmente il costo è di 66,8 euro).

Il Codacons sottolinea che «ancora una volta gli automobilisti italiani sono utilizzati come bancomat dal Governo, attraverso un aumento delle tasse che gravano sull’automobile, e anziché ridurre la tassazione per alleggerire gli effetti del caro-benzina, si è pensato bene di aumentare del 22% la tariffa della revisione auto». 

Il bonus 

Con l’aumento delle tariffe è stato decisa anche l’introduzione del cosiddetto «bonus veicoli sicuri». Si tratta di un provvedimento che protegge dall’aumento delle tariffe della revisione auto coloro che hanno acquistato un’auto nuova. Ci sono diversi paletti però. Il bonus veicoli sicuri, finanziato da un fondo di 4 milioni di euro, consente l’esenzione dall’aumento del costo della revisione auto in occasione del primo controllo se effettuato entro la fine del 2023. Va ricordato però che il bonus sarà valido per un solo veicolo a persona.

Benzina sempre più cara

Intanto continua a crescere il prezzo del carburante. Secondo i dati settimanali del ministero della Transizione Ecologica, prosegue la corsa dei prezzi dei carburanti, che si attestano, in modalità self service, a 1,676 euro al litro per la benzina e a 1,523 euro per il gasolio.

«Non si arresta l'impennata dei prezzi dei carburanti, dopo che la settimana scorsa la benzina aveva raggiunto il record da sette anni - rileva l’Unione nazionale consumatori -. La benzina, arrivando a 1,676 euro al litro, conferma il raggiungimento del record dal 27 ottobre 2014, ossia quasi 7 anni fa, quando svettò a 1681 euro al litro, mentre il gasolio, toccando i 1,523 euro al litro, raggiunge il valore massimo dal 27 maggio 2019, quando si attestò a 1.525 euro al litro».

Per il presidente dell’associazione Massimo Dona, «dall'inizio dell'anno, dalla rilevazione del 4 gennaio, un pieno da 50 litri è aumentato di 11 euro e 74 cent per la benzina e di 10 euro e 22 cent per il gasolio, con un rincaro, rispettivamente, del 16,3% e del 15,5%. Su base annua è pari a una batosta ad autovettura pari a 282 euro all'anno per la benzina e 245 euro per il gasolio». 

«In un anno, dalla rilevazione del 28 settembre 2020, quando la benzina era pari a 1.390 euro al litro e il gasolio a 1.265 euro al litro, un pieno da 50 litri costa 14 euro e 34 cent in più per la benzina e 12 euro e 93 cent in più per il gasolio, con un incremento, rispettivamente, del 20,6% e del 20,4%. Un rialzo che equivale, su base annua, a una stangata pari a 344 euro all'anno per la benzina e a 310 euro per il gasolio» conclude Dona.

Video del giorno

L'orsetto salvato nel Parco d'Abruzzo e ricongiunto alla famiglia: è l'unico caso in Europa

Insalata di gallina, radicchio, mandorle, melagrana e cipolla

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi