Contenuto riservato agli abbonati

Strappo in Confindustria, c’è anche l’ipotesi di azzerare tutto il consiglio direttivo

FOTO PETRUSSI

Almeno 7 i congiurati che hanno ribaltato l’esito di un voto che sembrava scontato Sfuma così il mandato bis di Mareschi Danieli

UDINE. D’accordo, palazzo Torriani, sede di Confindustria Udine, non è il Quirinale. Ma ciò che mercoledì sera è avvenuto nei saloni dell’austero palazzo friulano ha molto a che fare con quanto accadde in Parlamento, anno di grazia 2013. All’epoca i famosi 101 congiurati, nel segreto dell’urna, tarparono le ali di Romano Prodi, che sembrava destinato al Colle più alto. E pensare che all’assemblea del Pd il professore fu osannato da chi, poche ore dopo, lo avrebbe tradito.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori

Video del giorno

Tutto calcolato, tra il superyacht e il ponte ci sono solo 12 centimetri

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi