Contenuto riservato agli abbonati

Sparò al giovane Rahimi, la confessione dell’omicida: «Volevo solo spaventarlo, con lui è morta una parte di me»

MORTEGLIANO. «Mi ero portato la pistola soltanto per spaventarli e chiedere di non minacciare più la mia famiglia. È vero, volevo fare una rapina, ma non ho mai pensato di mettermi a sparare contro le persone. È stato un incidente. E ora ho un macigno addosso, presidente: quel ragazzo aveva appena due anni più di mio figlio... Una parte di me è morta con lui».

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori

Video del giorno

Taranto, spara contro l'auto della polizia e ferisce due agenti: la raffica di colpi ripresa dalla telecamera

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi