Comunali, chiuse le urne: l’affluenza di domenica in Fvg non supera il 40%. A Pordenone ha votato il 44,8%

UDINE. Da Trieste a Drenchia passando per Pordenone, 367.228 cittadini aventi diritto al voto, di cui 191.136 femmine e 176.092 maschi, si sono recati alle urne per eleggere i sindaci e i consigli comunali che resteranno in carica nei prossimi cinque anni. Domenica i seggi sono rimasti aperti aperti dalle 7 alle 23, lunedì si potrà accedere dalle 7 alle 15. Alla chiusura seguirà lo scrutinio dei voti.

Affluenza alle 23. In Friuli Venezia Giulia, su un totale di 367.228 elettori, alle 23 hanno votato in 138.852 ovvero il 37,8 per cento. Lo ha reso noto Il Servizio elettorale della Regione Fvg sottolineando che sono 38 i Comuni chiamati al voto. A Pordenone ha votato il 44,8% degli aventi diritto (18.890 elettori su 42.195).


Nessuno dei comuni piccoli ha raggiunto il quorum in provincia di Udine
Nessuno dei cinque Comuni in cui era sceso in campo solo un solo candidato ha raggiunto il quorum(almeno il 50 per cento degli elettori, sottratti quelli iscritti all’Aire). Ci è andato vicinissimo Dogna dove attorno alle 23 mancavano solo 5 votanti per raggiungere l’obiettivo (fissato a 70). Si dovrà attendere oggi dunque (ci devono essere il 50% di schede valide e quindi si avrà la certezza solo oggi al termine dello scrutinio) per l’elezione ufficiale del candidato sindaco Simone Peruzzi.

Ecco i risultati degli altri quattro comuni in cui correva solo un candidato Moimacco (alle 23 avevano votato in 569, ne mancavano 106 per arrivare al quorum), Resiutta (alle 23 avevano votato in 78 ne mancavano 35), Ronchis (alle 23 si erano recati alle urne in 776, ne mancavano 22) e Sauris (alle 23 avevano votato in 127, ne mancavano 43). Si è votato nelle palestre, nelle scuole, nei centri polifunzionali. Così come nelle sedi municipali e in quelle della Protezione civile. 

QUI IL PUNTO SULLA PROVINCIA DI UDINE AL VOTO

PER APPROFONDIRE

GLI SCENARI. Guida alle elezioni, si vota in 38 comuni: le grandi sfide a Pordenone e Trieste con l’incognita della Lega

COME SI VOTA IN FVG. Opzione voto disgiunto sopra i 15 mila abitanti. Due nomi sulla scheda solo se di generi diversi

L’affluenza delle 19. In Friuli Venezia Giulia, su un totale di 367.228 elettori, alle 19 hanno votato in 118.153, ovvero il 32.27 per cento. Lo ha reso noto Il Servizio elettorale della Regione Fvg sottolineando che sono 38 i Comuni chiamati al voto.  In particolare, a Trieste alle 19 ha votato il 29% dei votanti,

pari a 52.197 elettori su 184.489; a Pordenone alle 19 ha votato il 38% dei votanti, pari a 16.195 elettori su 42.195.


Voto nelle palestre

La novità di quest’anno è la distribuzione dei seggi che, in alcuni casi, sono stati allestiti nelle palestre per evitare di creare disagi e soprattutto la sospensione delle lezioni agli studenti. Pordenone ha seguito questa linea per evitare interruzioni all’anno scolastico già messo a dura prova dalle norme anti contagio.


LA MAPPA. Sono 9 i comuni virtuosi che non chiudono le scuole per le elezioni: ecco le città in Friuli che hanno spostato i seggi fuori dalle aule


L’affluenza delle 12. In Friuli Venezia Giulia, su un totale di 367.228 elettori, alle 12 hanno votato in 47.883, ovvero il 13,04 per cento. Lo ha reso noto Il Servizio elettorale della Regione Fvg sottolineando che sono 38 i Comuni chiamati al voto.

A Pordenone su 42.195 aventi diritto hanno votato 6.823 elettori, pari al 16%.

Trieste si piazza all’ultimo posto nella Venezia Giulia con una percentuale dell’11,4% di elettori andati a votare, 20.984 su 184489 aventi diritto. Cinque anni fa alle amministrative l’affluenza alle 12 a Trieste era stata del 18.8% ma in quel caso – è da sottolineare - si votava in una giornata sola e non su due come nella tornata elettorale odierna.

A Muggia è andato a votare il 14,3% degli aventi diritto, 1756 su un totale di 12.293 elettori (cinque anni fa erano stati il 21%). Per quanto riguarda i comuni in provincia di Gorizia, gli elettori più solerti sono stati quelli di san Pier d’Isonzo, dove si registra il tasso più alto della Venezia Giulia, con il 19,7% (338 su 1714 aventi diritto).

A Grado nelle prime ore del mattino è andato a votare il 19% degli aventi diritto (1354 su 7141) , a Romans d’Isonzo il 17,6% (582 su 3306) e a Moraro il 17,1% (104 su 607).

A Tarcento ha votato il 13%, a Palmanova il 17%, a Latisana il 15%.

Norme anti contagio

Nei seggi senza mascherina non si potrà accedere. Con naso e bocca coperti dalla mascherina che andrà rimossa solo per consentire l’identificazione, l’elettore dovrà depositare la scheda nell’urna. Per evitare assembramenti gli ingressi saranno contingentati e all’interno tutti dovranno mantenere il metro di distanza.

Video del giorno

A Trieste i funerali di Liliana Resinovich: le parole del marito Sebastiano

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi