Pordenone, festa al quartier generale di Alessandro Ciriani, riconfermato sindaco. San Vito al ballottaggio, chi sono gli altri sindaci eletti

L’affluenza si ferma al 49%, più bassa rispetto alle precedenti elezioni comunali del 2011 e del 2016

TUTTO QUELLO CHE C’È DA SAPERE SULLE ELEZIONI IN BREVE

  • Sono 38 i Comuni chiamati a eleggere il sindaco in Fvg
  • Pordenone. Ciriani riconfermato, Zanolin si congratula (qui lo spoglio in diretta)
  • La prima intervista dopo il voto di Ciriani: “Grazie ai cittadini” (guarda il video)
  • San Vito al tagliamento va al ballottaggio
  • A Cordenons vince Andrea Delle Vedove
  • A Palmanova vince Tellini, a Latisana il nuovo sindaco è Sette
  • Il primo sindaco eletto in provincia di Udine è Enrico Basaldella a Moimacco (qui l’intervista)
  • Affluenza finale del 49%, più bassa rispetto agli altri anni
  • Si vota anche a Trieste dove sono dieci i candidati (qui lo spoglio in diretta)

SEGUI L’ANDAMENTO DELLO SPOGLIO IN DIRETTA COMUNE PER COMUNE QUI

UDINE. Si sono chiuse alle 15 le urne per le elezioni in 38 Comuni del Friuli Venezia Giulia. Quattro città possono andare al ballottaggio (con più di 15 mila abitanti). Ecco la cronaca della giornata
 

Pordenone, festa al quartier generale di Alessandro Ciriani. 
Manca ancora l’ufficialità, non la certezza per Alessandro Ciriani: dopo 38 sezioni scrutinate sulle 51 totali il vantaggio sul più diretto dei concorrenti, Gianni Zanolin, è incolmabile. E il suo 64,72% (contro il 30,67% di Zanolin) ha fatto partire la festa nel quartier generale del sindaco di Pordenone. Cori, applausi e brindisi per la riconferma del primo cittadino

Pordenone, festa al quartier generale di Alessandro Ciriani





Pordenone: i risultati delle urne alle ore 20

Alessandro Ciriani consolida il vantaggio sugli avversari nella corsa allo scranno di sindaco di Pordenone. Alle ore 20, con 35 sezioni scrutinate sulle 51 totali, il primo cittadino uscente si attesta al 64,49% contro il 30,86% del più diretto concorrente, Giovanni Zanolin. Terzo posto parziale per Anna Ciriani (3,13%) davanti a Vitto Claut (1,52%).

Comunali Pordenone, parla Alessandro Ciriani: "Il risultato mi gratifica per il lavoro fatto"

San Vito al Tagliamento. Arrivo al fotofinish a San Vito al Tagliamento dove tutti e tre i candidati hanno superato il 30 per cento dei voti. Al ballottaggio (in programma il 17 e 18 ottobre) ci vanno Alberto Bernava (35,36%) e Valerio Delle Fratte (33,98%) mentre resta esclusa Susi Centis, fermatasi al 30,66%.

Cordenons. Andrea Delle Vedove, appoggiato dalle liste Fratelli d'Italia Giorgia Meloni, Lega Salvini Fvg, Forza Italia Berlusconi presidente e da Rinascimento Sgarbi Cordenons, è stato confermato sindaco del Comune di Cordenons con 4.982 voti, pari al 58,49 per cento dei voti. il primo dei rivali, Paolo Peresson (Cittadini insieme per Cordenons, Progetto Forza Cordenons e Cordenons Democratica) si è fermato al 34,27 per cento (2.919 voti). Gianpaolo Biason (Movimento 5 stelle) ha ottenuto il 3,99 per cento dei voti (340), Franco Vampa (Lista civica Cordenons Futura) il 3,24 per cento (276).

Pordenone, Alessandro Ciriani verso la riconferma. Zanolin: “Caro Alessandro, mi congratulo. In bocca al lupo a te e alla nostra città”
Alessandro Ciriani verso il bis al primo turno. A Pordenone, dove l'affluenza è stata solo del 55 per cento, il sindaco uscente viaggia verso il 65 per cento dei consensi, staccando Gianni Zanolin al 30 per cento. Anna Ciriani, è data tra il 3 e il 4 per cento, Vitto Claut fanalino di coda. Il risultato che arriva dai seggi indica anche un exploit della lista Pordenone cambia, la civica che sostiene il sindaco. Pur non essendoci ancora l'ufficialità, il candidato Zanolin ha già inviato un messaggio di congratulazioni al sindaco: “Caro Alessandro, la vittoria ti arride, larga e netta. Mi congratulo. In bocca al lupo a te e alla nostra città.
Gianni Zanolin”


I sindaci eletti, le notizie dalla Regione

Palmanova. Giuseppe “Bepi” Tellini, con oltre il 62,13% dei voti, è il nuovo sindaco di Palmanova. Staccato lo sfidante Antonio Di Piazza, che ha chiuso al 37,87%. Nessuno scossone, dunque: la città stellata ha deciso per la continuità: Tellini raccoglierà infatti l’eredità del primo cittadino uscente Francesco Martines, di cui è stato componente attivo in giunta, in qualità di assessore.

Palmanova sceglie il sindaco della continuità: è Giuseppe Tellini l'erede di Martines

Latisana. Lanfranco Sette (appoggiato dalle liste Progetto Latisana, Fratelli d'Italia - Alleanza Nazionale, Lega Salvini Fvg, Forza Italia - Latisana) è stato eletto sindaco del Comune di Latisana con 4.042 voti, pari al 65,8 per cento delle schede valide. Angelo Valvason (Vivere Latisana, Uniti per Latisana, Futuro Comune Latisana, Alleanza Per Latisana) ha ottenuto il 27,23 per cento dei voti (1.673), Gianluca Galasso (Latus Anniae) il 6,97 per cento (428).

Tarcento. Mauro Steccati (appoggiato dalle liste Forza Tarcento, Siamo Tarcento, Lega Salvini e Fratelli d'Italia) è stato confermato sindaco del Comune di Tarcento con 2.013 voti, pari al 47,36 per cento dei voti validi. Alle sue spalle hanno chiuso Walter Tomada (Rinnovare Tarcento Tomada Sindaco, Con Tomada-Una Nuova Tarcento e Tarcento Insieme), con il 43,86 per cento dei voti (1.864) e Riccardo Prisciano (No Autostazione-Lista Civica, Tarcento ci Lega-Prisciano Sindaco e Prisciano Sindaco), con l'8,78 per cento (373).

Grado. Claudio Kovatsch, appoggiato da Progetto Fvg - Udc Italia, Fratelli d'Italia - Alleanza Nazionale, Kovatsch Sindaco, Lega Salvini Fvg, Forza Italia - Grado, è stato eletto sindaco del Comune di Grado con 2.268 voti, pari al 54,62 per cento dei voti validi.

Pinzano al Tagliamento. Emiliano De Biasio (appoggiato da Comunità e territorio) è stato eletto sindaco di Pinzano al Tagliamento con 383 voti, pari al 46,54 per cento dei voti validi. Alessandro Bellio (Lista civica per Pinzano - Ora vorremmo correre noi) si è fermato al 43,86 per cento dei voti (361), Erminio Barna (Pinzano Domani) al 9,6 per cento (79).


Porpetto. Andrea Dri, appoggiato dalla lista Insieme, è stato confermato sindaco del Comune di Porpetto con 877 voti, pari al 59,7 per cento dei voti validi.

Bertiolo. Eleonora Viscardis, appoggiata da Lega Salvini Fvg e da Linea Civica con Centro destra per Bertiolo Forza Bertiolo, è stata confermata sindaco del Comune di Bertiolo con 760 voti, pari al 52,81 per cento dei voti validi.

Erto e Casso. Antonio Carrara, appoggiato da Partecipare con Antonio Carrara sindaco, è stato confermato sindaco del Comune di Erto e Casso con 155 voti, pari al 59,39 per cento dei voti validi.

Vivaro. Mauro Candido, appoggiato dalla lista Insieme per Vivaro-Rinnovamento Impegno e Traparenza, è stato confermato sindaco del Comune di Vivaro con 547 voti, pari all'87,94 per cento dei voti validi.

Majano. Elisa Giulia De Sabbata, appoggiata da Majano Attiva, Impegno per Majano - Par Maian, è stata eletta sindaco del Comune di Majano con 1.732 voti, pari al 82,09 per cento delle schede valide.

Palazzolo dello Stella. Franco D'Altilia, appoggiato dalla lista Palazzolo va oltre, è stato confermato sindaco del Comune di Palazzolo dello Stella con 1.087 voti, pari al 82,91 per cento delle schede valide. Ha inoltre ottenuto voti: - Paolo Miotto (Palazzolo riparte Paolo Miotto Sindaco), con il 17,09 per cento dei voti (224)

Comeglians. Flavio De Antoni, appoggiato da Tutti per Comeglians e da Uniti per Comeglians è stato eletto sindaco del Comune di Comeglians con 178 voti, pari al 59,93 per cento dei voti validi.

Chions. Renato Santin, appoggiato da Lista Civica Obiettivo Comune è stato confermato sindaco del Comune di Chions con 1333 voti, pari al 85,28 per cento dei voti validi.

San Quirino. Guido Scapolan, appoggiato dalla lista Una Strada Comune, è stato eletto sindaco del Comune di San Quirino con 774 voti, pari al 38,28 per cento dei voti validi. Gianni Giugovaz (Uniti per San Quirino) ha ottenuto il 34,77 per cento dei voti (703), Mauro Arcicasa (Lega Salvini, San Quirino rinasce) il 26,95 per cento (545).

Vajont. Vittoria al fotofinish, con soli 9 voti di scarto nel Comune di Vajont, dove Lavinia Corona (appoggiata dalla lista Vajont.3 progetto Comune-Corona Lavinia Sindaco) è stata confermata sindaco del Comune di Vajont con 425 voti, pari al 50,54 per cento dei voti validi. Lo sfidante Virgilio Barzan (Vajont presente e futuro) ha ottenuto il 49,46 per cento dei voti (416).

I primi dati da San Giorgio di Nogaro
A San Giorgio dopo una sezione scrutinata è in netto vantaggio l'ex sindaco Pietro Del Frate con il 44,72%. L'ex assessore Roberta Sartori si attesta sul 33,03% mentre il vicesindaco uscente Massimo Vocchini è fermo al 22,25%
 

A Grado il candidato Raugna sui social: ho perso, grazie a chi mi ha supportato
"L’esito delle elezioni comunali ha visto l’affermazione del candidato Claudio Kovatsch e della coalizione a suo sostegno. Ringrazio quanti hanno supportato la nostra campagna elettorale, i candidati di lista e i tanti elettori che ci hanno dato la loro fiducia, a cui assicuriamo l’impegno dai banchi dell’opposizione, che sarà attenta e costruttiva nell’interesse della Città di GRADO. Auguro al nuovo sindaco e alla nuova amministrazione buon lavoro. Nei prossimi giorni ci incontreremo con i candidati di lista per analizzare il voto e per rilanciare la nostra attività politica, che non deve andare dispersa”
 



A Pordenone corsa a quattro: affluenza al 55%
Pordenone conferma una delle percentuali di votanti più alte della regione nella due giorni di domenica 3 e lunedì 4 ottobre. Segno dell’attenzione dei cittadini per la corsa a quattro per il Comune. Alle urne solo tre candidati sindaco: Alessandro Ciriani, primo cittadino uscente, risiede a Fiume Veneto e non ha avuto l’incombenza di presentarsi al voto. Il primo ad arrivare ai seggi era stato Gianni Zanolin, seguito da Vitto Claut e dall’unica donna in corsa, Anna Ciriani.

PER APPROFONDIRE: 

Bassa partecipazione nel 2021 rispetto agli altri anni 
Delude il dato dell’affluenza in Friuli Venezia Giulia. In questa due giorni di elezioni comunali ha votato appena un elettore su due (il 49%). Numeri bassi rispetto al 2016 quando alle urne si era recato il 56,8% degli elettori e al 2011 quando si era superato il 64% degli aventi diritto. 

Affluenza finale non supera il 50% dei votanti
Il Servizio elettorale della Regione ha comunicato la percentuale di affluenza finale per le elezioni comunali nei 38 Comuni chiamati al voto. In Friuli Venezia Giulia, su un totale di 367.228 elettori, hanno votato in 183.027, pari al 49,84 per cento.


Nei 5 comuni con un solo candidato superato il quorum
Oltre a Basaldella, rieletto sindaco a Moimacco per la seconda volta, anche a Dogna è stato raggiunto il quorum e Simone Peruzzi è eletto sindaco, come unico candidato in corsa. Lo stesso a Ronchis dove si è presentato Manfredi Michelutto e a Sauris con Ermes Petris. A Resiutta eletto Francesco Nesich.

Enrico Basaldella è il primo sindaco eletto della provincia di Udine
Il rischio del commissariamento è scongiurato. Sarà nuovamente Enrico Basaldella, sindaco uscente e in questa tornata elettorale privo di sfidanti, a guidare il Comune di Moimacco, il cui elettorato ha raccolto l'appello alla responsabilità e si è recato alle urne nella misura del 52% (759 persone, su un totale di 1463 aventi diritto al voto). Superato dunque lo sbarramento del quorum, con il risultato appunto della riconferma di Basaldella alla guida dell'ente e dell'ingresso in assemblea civica di tutti i 12 componenti della lista "Vivere Moimacco". Qui le dichiarazioni del sindaco 

Moimacco e Ronchis hanno superato il quorum
Moimacco e Ronchis hanno superato il quorum. 
 

La prima giornata di voto
La domenica elettorale, come detto, è andata in archivio con un’affluenza complessiva inferiore al 40% registrato alle 23. Un trend, ovviamente, in crescita rispetto sia alla rilevazione di mezzogiorno – 13,1% – sia delle 19 – 32,7% – stando ai numeri comunicati dalla Regione. Cinque anni fa, ma lo ribadiamo si votava in giornata singola e per di più le elezioni erano fissate al 5 giugno e non in questa particolarissima finestra autunnale, si raggiunse invece il 56,6% con, tuttavia, differenze notevoli tra le due principali città al voto e cioè Pordenone (dove si toccò il 62,4%) e Trieste (ferma al 53,4%). L’unico vero confronto sui due giorni, invece, si può fare con il referendum costituzionale dello scorso anno, quello sul taglio dei parlamentari, in cui la domenica si chiuse con il 38% di affluenza complessiva in Friuli Venezia Giulia. Qui il racconto della prima giornata di voto.