Contenuto riservato agli abbonati

Morto a 62 anni il dj Otto: aveva contratto il Covid venti giorni fa

Tra gli anni ’80 e ’90 rese famoso il Papillon a Roveredo. Due anni fa l’ultimo ritorno a Pordenone per una festa al Capitol

Nel Pordenonese era stato un pioniere della disco music, al tempo del boom delle discoteche. A cavallo tra gli anni 80 e 90 aveva reso famoso il Papillon di Roveredo in Piano, che richiamava gente anche dal Veneto orientale. Musicista prima, dj poi, quindi produttore: questo era Ottorino Casagrande – conosciuto come Dj Otto –, scomparso nella mattinata di mercoledì 13 ottobre all’ospedale di Dolo dopo aver contratto il Covid una ventina di giorni fa.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori

Video del giorno

Maltempo in Grecia, un pullman viene "inghiottito" da una voragine

Gallinella su purea di zucca, patate croccanti e cavolo riccio

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi