Contenuto riservato agli abbonati

Sfrattate le asinelle “abusive” di Museis, il titolare della fattoria didattica: «Per il Comune siamo indesiderati»

CERCIVENTO. Anastasia, Gertrude e Rosina non sanno di essere finite in mezzo a una contesa fra gli uffici comunali e l’agricomunità a Museis di Cercivento, ma da quando le tre asinelle sono state sfrattate dai loro boschi e trasferite in un terreno ad Arta Terme si sono intristite e ragliano senza sosta.

Fino a poco tempo fa gironzolavano intorno alla fattoria didattica per la gioia di bambini e ospiti dell’agriturismo.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori

Video del giorno

Robotic Systems sfida la Tesla

Insalata di gallina, radicchio, mandorle, melagrana e cipolla

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi