Maxi impianto Bionet da 35 milioni, indagato per corruzione l’ex capo di Gabinetto della Regione

Perquisizione della Gdf a casa di Agostino Maio, fatte copie di computer e cellulare

UDINE. L’ex capo di Gabinetto della Regione, Agostino Maio è indagato nell’ambito dell’inchiesta sul maxi-impianto da 35 milioni di euro che la Bionet srl dovrebbe realizzare in via Gonars.

L’accusa ipotizzata è quella di corruzione di persona incaricata di un pubblico servizio. Il sospetto della Procura è che l’ex braccio destro del sindaco Furio Honsell prima (dal 2013 al 2014)e della governatrice Debora Serracchiani poi (dal 2014 al 2018), abbia in qualche modo agevolato l’aggiudicazione del project financing del biodigestore al Raggruppamento temporaneo di imprese (Rti) guidato da Bioeer spa e Green project srl in cambio della promessa di un coinvolgimento nelle relative attività imprenditoriali che si sarebbe poi concretizzato con il contratto siglato con Bionet srl, società di scopo creata dalla...

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori

Video del giorno

Portuale di Trieste manifestava contro il Green Pass, ora è intubato: "Ho i polmoni distrutti"

Insalata di gallina, radicchio, mandorle, melagrana e cipolla

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi