Contenuto riservato agli abbonati

Troppo buio in duomo a Cividale, l’appello del parroco: «Adottate una luce»

Servono almeno 26 lampadine a led da 300 euro ciascuna. Anche la bolletta dietro la svolta green di monsignor Carlino

CIVIDALE. Per restituire luminosità alla basilica di Santa Maria Assunta, penalizzata dall’inefficienza di buona parte dei fari puntati sulle navate, l’arciprete di Cividale, monsignor Livio Carlino, lancia un’inedita campagna di “adozione”: si chiama infatti proprio “Adotta una luce” l’iniziativa proposta dal sacerdote, il quale invita i cividalesi a contribuire all’acquisto di nuovi corpi illuminanti, che permetteranno al duomo di imboccare la via della sostenibilità energetica.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori

Video del giorno

Quanti milioni ha perso Lush, l'azienda felice senza social

Insalata di gallina, radicchio, mandorle, melagrana e cipolla

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi