Contenuto riservato agli abbonati

In pensione con 63 anni di età e almeno 36 di contributi: ecco chi potrà farlo

Interessa quasi mezzo milione di persone, per la precisione 467.934 individui, la possibilità di ampliare l’Ape sociale ad altre 30 categorie professionali “usurate” e “disagiate”.

In pratica avrebbe accesso ad una pensione anticipata, con 63 anni di età ed almeno 36 di contributi (30 per gli invalidi civili), una quantità quasi 10 volte superiore a quella che potrebbe beneficiare di Quota 102 (64+38), il tutto ad un costo relativamente contenuto per le casse dello Stato che l’Inps ha stimato in circa 1 miliardo di euro per il triennio 2022-2024, compresa la proroga al 2026 per i mestieri che già oggi possono accedere all’anticipo pensionistico.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori

Video del giorno

Stefano, vita da crossdresser: "Sono padre, marito, eterosessuale e mi vesto da donna"

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi