In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Ziberna: «È l’inizio della nostra svolta ma basta burocrazia»

Il sindaco: «Servono strumenti per accelerare le opere pubbliche sul confine» Soddisfazione per la ribalta internazionale: «Siamo noi l’Europa migliore»

Francesco Fain
2 minuti di lettura



«Vedere il nostro territorio al centro dell’attenzione dei media nazionali e internazionali non per le vicende del passato ma per quelle future rappresenta davvero una svolta storica per Gorizia. Perché è questo il messaggio che anche i due Presidenti Mattarella e Pahor, presenti giovedì sulla nostra terra, hanno voluto dare: Gorizia e Nova Gorica rappresentano l’Europa migliore, quella che lotta per costruire un domani ricco di opportunità per la propria gente, per i giovani, superando divisioni e rancori».

Bilancio e appello

del sindaco

Il giorno dopo è quello della soddisfazione per il sindaco Rodolfo Ziberna. Che evidenzia come dai buoni intenti si è passati «ai progetti di grande respiro, come la Capitale europea della cultura, che porteranno a una vera svolta, anche economica per tutto il territorio. Tutto nel rispetto delle diversità. Non un’unica città ma due città insieme, ognuna con un’identità propria, che porta a un reciproco arricchimento. Stiamo lavorando perché i nostri giovani possano trovare, in futuro, nuove e importanti opportunità lavorative su questo territorio, perché si possa tornare nuovamente a contare in ambito regionale, nazionale e internazionale». Importante un altro passaggio. Che, di fatto, è un appello. «Ci rivolgiamo a Sergio Mattarella e Borut Pahor per aiutare Gorizia e Nova Gorica a dotarsi di un regime e di strumenti legislativi e operativi che agevolino, accelerandone e sburocratizzandone le procedure, la realizzazione di opere pubbliche a cavallo del confine: opere che, peraltro, stiamo realizzando tra comprensibili mille difficoltà. Ma anche per dare vita a una formazione transnazionale e europea, professionale e accademica, destinata a giovani e lavoratori italiani, sloveni e appartenenti al resto d’Europa. Vorremmo diventare concreto esempio di come due città, pur nella loro diversa identità, possano condividere una crescita comune. La diversità arricchisce. La cultura unisce».

Il pensiero

di Klemen Miklavič

Soddisfazione anche dal primo cittadino di Nova Gorica. «Le generazioni di oggi - rimarca Klemen Miklavič - sono onorate di poter seguire il percorso tracciato decenni fa dai presidenti dei Consigli comunali, dai sindaci, dai governatori, da prefetti e leader illuminati di entrambi i Paesi, e soprattutto dalle persone (gli abitanti di questa regione ricca ma tragicamente lacerata del nel XX secolo). Stiamo realizzando l’idea fondamentale della comunità europea. Stiamo realizzando la pace e l’amicizia per una prosperità condivisa dei nostri cittadini. Perché, l’Unione europea - la sottolineatura del sindaco di Nova Gorica - è nata per un solo motivo: garantire la pace ai popoli in Europa».

E, proprio ieri, il Presidente Mattarella ha ricevuto al Quirinale il Presidente della Repubblica di Croazia, Zoran Milanovic, per parlare di Ue e prospettive.

La Regione

in campo

E proprio nel giorno della visita dei presidenti Sergio Mattarella e Borut Pahor, il Consiglio regionale ha approvato il disegno di legge 145 che dispone le prime norme di sostegno alla Capitale europea della cultura 2025. Il ddl, ricordiamolo, è stato approvato a maggioranza con l’astensione di Pd, M5s, Cittadini e Patto per l’Autonomia e il voto contrario di Open sinistra Fvg, al quale si è aggiunto il “no” del consigliere dem Enzo Marsilio. «Il Consiglio regionale - le parole dell’assessore alla Cultura, Tiziana Gibelli - ha approvato una norma importante per l’avvio del percorso verso Nova Gorica-Gorizia Capitale europea della cultura 2025. Si tratta di uno strumento di carattere tecnico che consente di mettere a disposizione di Gorizia le somme importanti già stanziate in Finanziaria e definite con l’assestamento di luglio. L’amministrazione regionale ha già iniziato a lavorare in vista del 2025 costituendo il tavolo permanente composto da Comune di Gorizia, Regione, Erpac, Camera di commercio Venezia Giulia, Gect e Fondazione Carigo che, attraverso incontri assidui, è chiamato a confrontarsi sulle istanze ricevute dal territorio e a dare risposte sul percorso da fare insieme». I relatori di minoranza hanno invece ribadito le loro osservazioni critiche. «Questa legge non definisce gli obiettivi legati a un evento così importante», ha osservato Franco Iacop (Pd). —

© RIPRODUZIONE RISERVATA



I commenti dei lettori