Contenuto riservato agli abbonati

Fedriga strappa sui vaccini: così l’asse della coalizione ritorna a pendere al centro

UDINE.  Indietro, adesso, pare davvero difficile tornare. Politicamente, anzi, è quasi impossibile. Le parole con cui Massimiliano Fedriga, lunedì 1 novembre, si è scagliato contro i no-vax segnano uno strappo netto con Roma su uno dei temi più delicati dell’agenda politica e, parallelamente, riportano l’asse della coalizione in Regione decisamente al centro.

Fedriga è un politico troppo esperto per non sapere che descrivendo come «pagliacci» che lanciano «imbecillità e idiozie» chi protesta nelle piazze e, su internet, si oppone a vaccini e Green pass avrebbe idealmente, e all’interno del partito, bruciato le navi alle sue spalle.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori

Video del giorno

Ffp2, la prova in laboratorio: ecco come riconoscere le mascherine di qualità

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi