Contenuto riservato agli abbonati

E’ stato assunto a 15 anni, oggi ne ha 77 e lavora ancora nel “suo” mulino

SESTO AL REGHENA. Una vita da mugnaio. Da 62 anni Antonio Cristante, 77 anni, lavora ininterrottamente nella stessa azienda: prima i molini dei fratelli Variola, diventati Rossetto e ora Grandi molini italiani. La fabbrica nel 2022 compirà cento anni di attività. E Antonio ne è il testimone.

Creato nel 1922 il grande complesso industriale di viale Stazione a Sesto al Reghena ha rappresentato per tante famiglie e giovani del territorio tra Cordovado, Sesto al Reghena, Morsano e Gruaro la sicurezza di un’occupazione.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori

Video del giorno

A Trieste i funerali di Liliana Resinovich: le parole del marito Sebastiano

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi