Contenuto riservato agli abbonati

Il testo andò perduto e non ci fu nessuno spettacolo: 76 anni dopo prende vita “La Morteana”, un atto unico inedito di Pasolini

CASARSA DELLA DELIZIA. Doveva essere un’opera comico surrealistica “La Morteana”, atto unico di cui è andato perduto il testo. Pier Paolo Pasolini, in una lettera indirizzata a Gianfranco D’Aronco, datata 29 novembre 1945, ne parla come di una commedia in un atto, il cui titolo “è ricavato da un verso del Colloredo” e ne annuncia l’imminente rappresentazione a Casarsa, da parte della “piccola Compagnia dell’Academiuta”.

Per

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori

Video del giorno

Calcio, giornalista molestata in diretta tv dopo Empoli-Fiorentina

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi