Contenuto riservato agli abbonati

Il testo andò perduto e non ci fu nessuno spettacolo: 76 anni dopo prende vita “La Morteana”, un atto unico inedito di Pasolini

CASARSA DELLA DELIZIA. Doveva essere un’opera comico surrealistica “La Morteana”, atto unico di cui è andato perduto il testo. Pier Paolo Pasolini, in una lettera indirizzata a Gianfranco D’Aronco, datata 29 novembre 1945, ne parla come di una commedia in un atto, il cui titolo “è ricavato da un verso del Colloredo” e ne annuncia l’imminente rappresentazione a Casarsa, da parte della “piccola Compagnia dell’Academiuta”.

Per

Video del giorno

Giornata contro l'abbandono degli animali, il video della polizia racconta il dramma dei cani

Risotto integrale al limone con crudo di gamberi e pomodorini al timo

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi