Contenuto riservato agli abbonati

Stalking al superiore, militare a processo

Un caporal maggiore dell’Esercito è accusato di aver tempestato di messaggi molesti una tenente durante una missione

UDINE. Un caporal maggiore capo scelto dell’Esercito, il pugliese Nicola Agnusdei, 48 anni, è stato rinviato a giudizio con l’accusa di atti persecutori nei confronti di una tenente, sua superiore, con la quale aveva lavorato in Sicilia due anni fa nell’ambito dell’operazione Strade sicure, che aveva visto coinvolti i militari di un reggimento di stanza in Friuli.

Secondo l’accusa, rappresentata dal pubblico ministero Maria Caterina Pace, i comportamenti messi in campo dal graduato hanno procurato uno stato di perdurante ansia nella tenente: a causa dello stalking la donna aveva perso dieci chili e aveva modificato per paura alcuni atteggiamenti, rinunciando ad esempio a uscire a cena al ristorante o a frequentare la piscina.


Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori

Video del giorno

Stefano, vita da crossdresser: "Sono padre, marito, eterosessuale e mi vesto da donna"

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi