Contenuto riservato agli abbonati

Ruolo e rischi dei social, parla il linguista Raffaele Simone: “La rete è falsa democrazia. È una dark room globale dove si dissolve l’identità”

«Bruciano il cervello dei giovani e veicolano follie di ogni genere, anche sui vaccini. Il risvolto politico è evidente, i rimedi pochi» 

La democraticità della rete è un equivoco. In realtà il rischio è di ritrovarsi in una sorta di dark room, in cui l’interlocutore può arrivare a dissolversi. Raffaele Simone, linguista e saggista, riflette sul ruolo dei social, non solo in tempo di pandemia. La riflessione è di un autore di varie opere sulla condizione della modernità globalizzata. Tra queste, “Presi nella rete.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori

Video del giorno

Tv, Sabina Guzzanti è Berlusconi: "Mi candido come prima donna al Quirinale"

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi