Contenuto riservato agli abbonati

Troppo odio sui social, si metta in discussione la responsabilità delle piattaforme

UDINE. Forse è capitato, a voi o a qualche vostro conoscente, il profilo Facebook bloccato. La pubblicazione di un nudo, di qualche parolaccia o le minacce al cane del vicino che ogni giorno fa i bisogni sul vostro zerbino fanno scattare l’allarme al centro di “controllo” del social più famoso al mondo.

“Contenuti inappropriati” che possono essere segnalati anche da altri utenti.

Video del giorno

Rugby, la meta che genera sospetti: il giocatore aspetta due minuti per schiacciare la palla

Farinata con asparagi e cipollotti

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi