Contenuto riservato agli abbonati

Dagli scavi archeologici sul colle del castello di Udine emergono i resti di un uomo e una donna

Potrebbero risalire all’epoca tardoantica altomedievale. L’indagine è propedeutica alla realizzazione dell’ascensore

UDINE. Gli scavi archeologici sul colle del castello hanno riportato alla luce i resti di un uomo e di una donna che potrebbero risalire all’epoca tardoantica altomedievale.

«Per stabilire con maggior certezza l’età del ritrovamento saranno necessarie le analisi con il carbonio-14 – spiega il sindaco Pietro Fontanini – ma al momento gli archeologici ipotizzano risalgano all’alto medioevo. Con ogni probabilità non si tratta di nobili o persone importanti visto che non è stato ritrovato nessun arredo funerario.

Video del giorno

Rugby, la meta che genera sospetti: il giocatore aspetta due minuti per schiacciare la palla

Farinata con asparagi e cipollotti

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi