In Consiglio regionale respinta la mozione per lo scioglimento di Forza nuova

ACON

TRIESTE. "L'assalto di Forza nuova alla sede della Cgil a Roma è un episodio troppo grave, bisogna prendere posizione senza ambiguità", sosteneva il Pd, supportato da tutti gli altri gruppi di opposizione in Consiglio regionale.

"Ma non è questa l'aula che può fare applicare la legge Scelba: la mozione andrebbe ritirata e riformulata d'accordo con la maggioranza", ha replicato l'assessore Pierpaolo Roberti a nome di tutto il Centrodestra.

Così alla fine i due schieramenti sono andati divisi al voto sul testo che chiedeva di fare pressione sul Governo per lo scioglimento del "movimento di ispirazione neofascista": la mozione è stata bocciata con 24 voti contrari e 19 favorevoli.

"Nel testo che proponiamo - ha sottolineato il capogruppo dem Diego Moretti, respingendo la richiesta di mediazione avanzata dall'esponente della Giunta Fedriga - non c'è nulla di ideologico né di strumentale: ricordo che alcuni partiti di Centrodestra hanno votato mozioni simili in altre regioni.

E mi dispiace che nessun consigliere della maggioranza, nemmeno tra i più liberali, abbia scelto di intervenire in aula: io sono convinto che dentro di voi ci siano questi princìpi, ma solo la contingenza politica vi impedisce di votare questo testo".

Le considerazioni di Moretti, primo firmatario, sono state riprese da numerosi esponenti delle opposizioni. Il collega del Pd, Cristiano Shaurli, ha ricordato "lo scioglimento di Ordine nuovo nel 1974" citando le parole dell'ex ministro dc Taviani, "il quale disse che non si potevano attendere le sentenze definitive della magistratura e che bisognava applicare la Costituzione, che vieta la ricostituzione del partito fascista".

Igor Gabrovec (Ssk) ha ricordato in particolare "la violenza del fascismo nelle nostre terre, già alla fine del primo conflitto mondiale, con l'incendio degli edifici della minoranza slovena".

Nell'aggiungere le firme dei rispettivi gruppi, Furio Honsell (Open Sinistra Fvg), Tiziano Centis (Cittadini) e Mauro Capozzella (M5s) hanno ribadito l'esigenza di "lanciare un messaggio forte", ricordando anche l'episodio dell'irruzione di esponenti di Casa pound nell'aula del Consiglio regionale, nell'agosto 2020.

In seguito alla quale Massimo Moretuzzo, capogruppo del Patto per l'Autonomia, ha reso noto "di essere stato denunciato per diffamazione, in quanto definii eversivi quei gruppi. Ora ho un processo in corso, che affronterò a testa alta".

Una situazione che Shaurli ha definito "paradossale", chiedendo e ottenendo dal presidente Piero Mauro Zanin di sollecitare un aggiornamento sulle indagini degli inquirenti rispetto a quell'episodio.

Nel suo articolato intervento, l'assessore Roberti ha replicato anche a un'altra affermazione di Moretti, che aveva parlato di "elementi di estrema destra, che si richiamano palesemente al fascismo, all'interno dei movimenti No vax".

"Tra chi occupava un'infrastruttura strategica come il Porto di Trieste - ha detto il rappresentante della Giunta - vi erano anche esponenti dei centri sociali del Veneto: quella protesta non fu guidata da Forza Nuova".

E a proposito del movimento di Roberto Fiore, Roberti ha ricordato che "nel recente passato Governi di centrosinistra ammisero quei partiti alla competizione politica.

Se la discriminante sono i princìpi ispiratori di Forza nuova, quelli erano gli stessi anche nel 2018 e 2019. E poi - ha concluso l'assessore - oggi i partiti che firmano questa mozione sono tutti al Governo e non capisco proprio perché il Consiglio regionale debba inserirsi in una discussione che si sta facendo a Roma".

Video del giorno

Stefano, vita da crossdresser: "Sono padre, marito, eterosessuale e mi vesto da donna"

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi