Sottoscrive un contratto per le mascherine con la Protezione civile ma i dispositivi “non sono conformi”: imprenditore a processo

UDINE. Il contratto sottoscritto con la Protezione civile della Regione Fvg prevedeva la fornitura di un milione di mascherine chirurgiche e 100 mila Kn95 (mascherine filtranti facciali come le Ffp2, ma di certificazione cinese), per un corrispettivo complessivo di 640 mila euro.

Nell’aprile del 2020, e cioè in piena pandemia, di quello stock risultavano consegnati a Palmanova rispettivamente 44 mila e 17 mila 600 pezzi: tutti – fu l’ipotesi formulata nel momento in cui, di lì a poco, la merce fu posta sotto sequestro – «non conformi agli standard tecnici» e «privi della documentazione che ne attestasse la conformità tecnica».

Il

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori

Video del giorno

Tonga, case a pezzi e auto accartocciate tra le palme: il video del ministro del Commercio

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi