Contenuto riservato agli abbonati

Primo via libera al suicidio assistito, il dibattito coinvolge anche il Friuli: chi è favorevole e chi è contrario a confronto

Suicidio assistito, Mario ora potrà morire: "La mia vita è una prigione"

UDINE. Ad agosto del 2020 aveva avuto il via libera per andare a morire in Svizzera. Ma Mario, 43 anni, marchigiano, tetraplegico dopo un incidente stradale, oggi è il primo italiano al quale sono riconosciuti i requisiti necessari per accedere al suicidio assistito nel nostro Paese.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori

Video del giorno

Calcio, giornalista molestata in diretta tv dopo Empoli-Fiorentina

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi