Contenuto riservato agli abbonati

Il Pd: «Lo Statuto del Comune è discriminatorio». Il caso finisce sul tavolo della ministra

La ministra Elena Bonetti

Nel mirino l’articolo 9 a tutela dei diritti solo alla famiglia fondata sul matrimonio. La senatrice Rojc presenta un’interrogazione a Bonetti: quella frase va rimossa

UDINE. La senatrice Tatjana Rojc (Pd) ha presentato un’interrogazione alla ministra per le Pari opportunità e la Famiglia, Elena Bonetti, segnalando il caso dello Statuto comunale di Udine, che a suo avviso «appare lesivo dei principi su cui si basa l’architettura europea, con cui si afferma che la famiglia non è fondata solo sul matrimonio di un uomo e di una donna, ma è costituita da persone che si amano e si rispettano, qualunque sia il loro sesso e la loro provenienza».

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori

Video del giorno

Covid Watch. Ensovibep: cosa sappiamo del nuovo farmaco

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi