Contenuto riservato agli abbonati

Udine, la modifica allo statuto: eliminata la parola matrimonio, “è famiglia comunque sia costituita”

La manifestazione di protesta a Udine

Dopo giorni di polemiche approvato l’emendamento Bertossi, ispirato a Moro. Il sindaco: tutelare il diritto di avere mamma e papà. L’opposizione: uscita divisiva

UDINE. Il Comune di Udine «riconosce e promuove i diritti della famiglia come società naturale comunque costituita». Dalla modifica all’articolo 9 dello statuto comunale sparisce, dopo una settimana di polemiche che hanno varcato i confini cittadini e regionali, il riferimento alla prerogativa del matrimonio come elemento fondante della famiglia.

L’assemblea civica, riunita ieri in sala Ajace, si è ricompattata sulla formulazione proposta con un emendamento dal capogruppo di Prima Udine, Enrico Bertossi, ispirato alle parole di Aldo Moro.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori

Video del giorno

Stefano, vita da crossdresser: "Sono padre, marito, eterosessuale e mi vesto da donna"

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi