Il personale delle portinerie: «Turni pesanti, noi sballottati»

Non sono medici, non sono infermieri, ma condividono con loro, da un anno e mezzo, condizioni di lavoro al limite, senza prospettive reali di miglioramento. Si tratta del personale della portineria dell’ospedale: sulla carta dovrebbero essere undici lavoratori, nella realtà sette.

Il fatto che la coperta sia corta ovunque – è di ieri la denuncia della Uil Fpl per la portineria dell’ospedale di San Vito al Tagliamento – non si traduce in mal comune mezzo gaudio, tutt’altro. Come racconta chi quell’ambito lo conosce bene, la direzione ancora mesi fa ha riconvertito il personale che avesse titolo per stare nei reparti (Oss in particolare) e l’ha spostato altrove. Nonostante il personale sia sotto organico rispetto al previsto («E non è che vadano assunti medici e infermieri, per cui non sarebbe difficile reperire il personale»), non c’è stato alcuno sforzo per potenziare il reparto, nemmeno con il ricorso a personale interinale, che sarebbe per altro facilmente formabile come dimostra il fatto che alcuni operatori sono proprio interinali.


Al contrario il personale impiegato, non tutto, dipende dalle condizioni dei singoli, viene semmai destinato a garantire il servizio anche a San Vito e Sacile, dove la situazione è ugualmente critica. Il risultato è che, se il turno sulla carta prevede sei giorni di lavoro continuati, il settimo smontante la mattina e poi tre giorni di riposo, quest’ultimi non vengono rispettati.

Il risultato è che ci sono persone che lavorano anche undici o dodici notti in un mese. Questi lavoratori hanno la competenza della parte tecnica dell’ospedale (allarmi, ascensori, verifica dei monitor), un lavoro comunque delicato.

In questo contesto si aggiunge l’amarezza per il fatto che a questi lavoratori, come raccontano loro stessi, era stato promesso (ancora con il precedente direttore generale) un contributo economico che avrebbe dovuto essere erogato in virtù dell’impegno straordinario profuso. Ma anche la promessa è poi rimasta sulla carta. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Video del giorno

Milano, vigile in borghese spara un colpo in aria: disarmato da un gruppo di ragazzi

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi