Contenuto riservato agli abbonati

Costi elevati del gas e materiali “vietati”: azienda del mosaico rischia di chiudere

L’imprenditore Donà e la sorella

SPILIMBERGO. L’incidenza dei costi di approvvigionamento di gas ed energia elettrica, come noto in fase di aumento vertiginoso, rischia di mettere in ginocchio molte imprese del Belpaese. Fra queste, a farne le spese, potrebbe esserci anche la Mosaici Mario Donà di Spilimbergo, azienda leader in Italia nella produzione di smalti e ori per mosaici.

A dirigere l’impresa, che ha sede nella zona artigianale della città del mosaico è Marco Donà, nipote e figlio d’arte, che dal 1991, trasferitosi da Murano a Spilimbergo, ha deciso di avviare la propria attività continuando la tradizione famigliare a lui tramandata da papà Mario e ancor prima dal nonno Ugo.

I

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori

Video del giorno

Tonga, case a pezzi e auto accartocciate tra le palme: il video del ministro del Commercio

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi