Impianti sportivi intitolati a Ezio Zucco e Dino Gioia

SAN GIOVANNI AL NATISONE

Dedicati a Ezio Zucco e Dino Goia due impianti del complesso sportivo di via Antica - viale Scuole di San Giovanni al Natisone. Un’iniziativa dell’amministrazione comunale per mantenere vivo il ricordo di due concittadini che nella loro vita hanno dedicato tempo, passione e attaccamento ai valori dello sport e vicinanza la mondo giovanile contribuendo a far crescere e rafforzare i legami delle loro due società, rispettivamente la Pav Natisonia e il Centro sedia calcio.


A Dino Goia, scomparso qualche mese fa, è stato dedicato il campo di calcio da lui tanto amato e seguito per tantissimi anni, una persona tutto fare, dall’essere dirigente ai tempi quando la società si chiamava Asd Natisone, alla gestione dello spogliatoio, dalla tracciatura del campo, alla cura dell’abbigliamento dei giocatori, una dedizione lunga più di 50 anni fino al 2015 quando decise di ritirarsi, rimanendo però vicino a quel campo di calcio che è stata la sua vita. La cerimonia di inaugurazione di una targa a suo ricordo è stata voluta prima del calcio d’inizio di una partita del Centro sedia quasi come per vederlo idealmente ancora seduto sugli spalti a tifare per la sua squadra.

Toccante la cerimonia avvenuta domenica pomeriggio alla palestra comunale con la dedica dell’impianto a Ezio Zucco, scomparso nel 2006 e indimenticabile colonna della Pav Natisonia, da lui fondata con altri amici 50 anni fa, oltre a essere stato un apprezzato professionista nel campo dell’edilizia e assessore comunale.

Una grande folla di amici, sportivi, atleti e semplici cittadini erano presenti a questa significativa dedica per ricordare una persona che ha contribuito a gettare le basi per una solida società, la Pav Natisonia appunto, e riferimento per le qualità sportive e morali espresse nel corso della propria vita ed esempio per tanti giovani.

Alle parole del sindaco Carlo Pali sui motivi per cui il palazzetto è stato dedicato a Ezio hanno fatto seguito quelle espresse dall’amico Franco Venuti, che hanno ripercorso la storia della Pav, ma soprattutto i legami che Ezio aveva con le persone che ancor oggi lo ricordano.

Ai due significativi momenti hanno presenziato anche i vertici regionali e provinciali delle due discipline sportive. —



Video del giorno

La Notre-Dame virtuale batte sul tempo la cattedrale reale. Ma attenzione alle vertigini

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi