«Un edificio con l’habitat di pianura e montagna»

«Su due piani faremo emergere le peculiarità del nostro territorio, entrando dalle foci del Tagliamento salendo fino alla sua origine e quindi all’alta montagna. Saranno descritti tutti gli ambienti dal punto di vista faunistico e vegetazionale, valorizzando la sua biodiversità, considerata tra le più importanti in Italia». Il vicesindaco Loris Michelini anticipa quale sarà la destinazione di uno degli edifici dell’ex macello oggetto di recupero.

Video del giorno

Ffp2, la prova in laboratorio: ecco come riconoscere le mascherine di qualità

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi