Schianto sul ring, l’auto finisce contro un albero Feriti 4 ventenni

Un giovane portato in elicottero a Udine, migliora in giornata Malore in auto a San Quirino: i pompieri mobilitano i soccorsi



Un boato improvviso nella notte. Il rumore di un terribile schianto che squarcia il silenzio nel centro della città da poco addormentatasi dopo la serata di un sabato prenatalizio, il primo con le casette e la pista di pattinaggio sul ghiaccio aperte nelle piazze principali. Dalla serenità al brivido di paura di quel rumore che in molti hanno sentito nei pressi della stazione ferroviaria e del parcheggio Marcolin, lungo il ring di Pordenone: un’auto con a bordo quattro giovani, due ragazzi e due ragazze, tutti tra i 20 e i 22 anni, è finita contro un grosso albero in via Pola. I vigili del fuoco di Pordenone sono intervenuti intorno all’una e mezza. Terribile lo scenario che si sono trovati di fronte: una potente Mustang accartocciata, semidistrutta addosso al robusto tronco, due persone a terra all’esterno della vettura e due incastrate nell’abitacolo, fortunatamente tutte coscienti.


La situazione è parsa subito grave per i quattro che viaggiavano in quell’auto, tre cittadini americani e una giovane nata in Italia. All’arrivo dei soccorritori, fuori dall’auto c’erano le due ragazze, che presumibilmente occupavano il posto del passeggero anteriore e quello retrostante, mentre il guidatore e l’altro passeggero posteriore erano bloccati nella vettura. I vigili del fuoco sono riusciti ad accedervi, utilizzando le pinze oleodinamiche per consentire al personale sanitario (intervenuto con 4 ambulanze, l’automedica e l’elicottero in volo notturno) di prestare le prime cure e hanno aiutato a imbarellare i feriti, uno dei quali – il passeggero posteriore maschio – è stato intubato e trasportato all’ospedale di Udine in codice rosso, gli altri in codice giallo con politraumi a Pordenone, tra cui una ragazza in condizioni più gravi, con un’importante ferita al cuoio capelluto. Nel corso della giornata i due pazienti in condizioni più serie sono migliorati e nessuno dei quattro, già nel primo pomeriggio, risultava in pericolo di vita.

Impressionante la dinamica dello schianto: il conducente ha perso il controllo della Mustang, si ritiene dopo una forte accelerazione, e l’auto è finita contro la robusta pianta sul ciglio della strada. I quattro giovani erano reduci da una serata. In corso gli accertamenti sul tasso alcolico del conducente, che probabilmente ha affrontato a velocità troppo sostenuta la curva nei pressi della stazione e non è più riuscito a governare l’auto, anche per colpa dell’asfalto viscido. È intervenuto la squadra volante, che ha escluso il coinvolgimento di altri veicoli.

A quanto si è potuto apprendere, il guidatore e la ragazza italiana che sedeva davanti avevano le cinture allacciate e, anche grazie ai sofisticati dispositivi di sicurezza dell’auto, non hanno riportato gravi lesioni, solo traumi agli arti. Gli altri due passeggeri, invece, non erano assicurati ai sedili e per loro l’impatto è stato devastante. Il ragazzo soccorso in elicottero respirava a fatica e presentava sintomi di lesioni addominali, tanto da consigliare, appunto, l’immediato ricovero a Udine, dove in seguito è stato estubato e stabilizzato. La ragazza sanguinava alla testa e i sanitari hanno riscontrato una brutta lacerazione. Ricoverata al Santa Maria degli Angeli, è stata suturata e tenuta in osservazione.

Ieri sera alle 19.30 un automobilista è stato colto da malore alla guida, sulla provinciale a San Quirino. Due vigili del fuoco, che da Pordenone stavano raggiungendo la sede di Spilimbergo per iniziare il servizio, hanno notato una berlina Bmw ferma al semaforo di San Quirino, nonostante fosse verde. Si sono avvicinati e hanno visto il conducente, un uomo di mezza età, immobile con gli occhi chiusi. I pompieri hanno allertato il 112. L’uomo, però, non stava dormendo: l’équipe medica lo ha trovato in coma. È stato accolto in codice rosso all’ospedale di Pordenone. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Video del giorno

Metropolis/15, Bonino: "Casellati ha esposto la sua persona e l'istituzione che rappresenta. Non si fa"

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi