Contenuto riservato agli abbonati

Corteo non autorizzato di no vax, la scelta paradossale del Sacrario: urlano «libertà, libertà» dove riposa chi è stato trascinato in guerra

Manifestare “libertà” strumentalizzando i Caduti sepolti nel Sacrario è quanto di più paradossale, e intollerabile, si possa fare. Perché quei militari della Terza Armata che onoriamo salendo i gradoni, combatterono sul Carso in quanto trascinati in una guerra le cui finalità non avevano nulla a che fare con la libertà. Il questore annuncia l’apertura di un’inchiesta per manifestazione non autorizzata e vilipendio dei Caduti. 

REDIPUGLIA. Il Sacrario di Redipuglia custodisce la salma di un’unica donna. Si chiamava Margherita Kaiser Parodi. Crocerossina, aveva accudito centinaia di soldati, molti dei quali non erano sopravvissuti alle ferite e in seguito furono sepolti vicino a lei. Parodi sopravvisse alla Grande Guerra ma morì di febbre spagnola, il cui funesto ricordo spesso riecheggia in questi tempi di pandemia. Penso alla crocerossina osservando le immagini di quanto accaduto mercoledì 8 dicembre al Sacrario di Redipuglia.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori

Video del giorno

Tonga, case a pezzi e auto accartocciate tra le palme: il video del ministro del Commercio

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi